Ferrovie, l’AD Luigi Ferraris presenta FS Security per la sicurezza nelle stazioni

Condividi subito la notizia
  • Accelerazione anche su investimenti, energia, biocarburanti e assunzioni
  • Cantieri nei prossimi due anni per un valore pari a 30 miliardi di euro: in Basilicata la Ferrandina-Matera

Nasce FS Security, la nuova società del Gruppo FS dedicata ad assicurare sempre maggiore sicurezza in tutte le aree ferroviarie, in coordinamento con le Forze dell’ordine. A presentare ufficialmente la newco, di cui ha parlato nei giorni scorsi anche il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini, è oggi l’AD del Gruppo FS Italiane Luigi Ferraris con un’ampia intervista al quotidiano romano Il Tempo, firmata dal direttore Davide Vecchi.

Intanto il Gruppo FS accelera sul fronte degli investimenti, nel 2022 RFI e Anas hanno lanciato gare per 25,5 miliardi e aggiudicati appalti per 15 miliardi, su quello dell’energia, dopo aver lanciato la gara per installare i primi 20 impianti fotovoltaici di autoproduzione di elettricità, è al lavoro per appaltarne altri 40 su propri terreni inutilizzati e, infine, sul versante delle assunzioni, con circa 9mila nuovi ingressi nel 2022 e un organico che conta oggi, tra Italia e controllate estere, quasi 86mila dipendenti.

Nell’intervista Ferraris spiega nel dettaglio le attività e i principali obiettivi della neonata società FS Security che integra le strutture di Protezione Aziendale finora suddivise nelle due principali società operative, RFI e Trenitalia, e si arricchirà nel prossimo triennio di ulteriori 1000 addetti. Sottolineando le sinergie e il confronto continuo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e con quello dell’Interno, l’AD è tornato sui principali risultati della survey effettuata di recente su treni e stazioni dove sebbene un passeggero su due si senta al sicuro, e quindi occorra comunque lavorare ancora, la percezione cala nelle stazioni medio piccole, nelle tratte locali e, in particolare, nelle fasce serali.

intervista all'ad del gruppo fs luigi ferraris su il tempo

Ampia anche la riflessione sul Piano industriale 2022-2031 del Gruppo FS Italiane, presentato a maggio scorso e sui primi risultati conseguiti con la profonda ristrutturazione della governance societaria e la nascita dei quattro Poli di business (infrastrutture, passeggeri, logistica e urbano) guidati dalla holding FS Italiane.

Forte rilievo, soprattutto in questo periodo, ai cantieri per le nuove infrastrutture, in particolare quelle legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Ferraris fissa un obiettivo: avere aperti cantieri nei prossimi due anni per un valore pari a 30 miliardi di euro e ne elenca alcuni già operativi o in procinto di esserlo, da quelli sulla Napoli – Bari, in linea con i tempi previsti di consegna, a quello per il sottoattraversamento ferroviario di Firenze fino al recente affidamento per i lavori della tanto attesa Ferrandina-Matera.

Un’attenzione particolare al tema, molto caro a Ferraris, di una sempre più attenta pianificazione e programmazione delle opere e degli interventi, tale da consentire un’adeguata formazione di nuove professioni e la nascita di filiere produttive italiane in grado di rispondere ai crescenti fabbisogni del settore dei lavori pubblici e di quello energetico, orientato a una rapida transizione verso il fotovoltaico e le rinnovabili. Ferraris ricorda l’impulso all’autoproduzione di energia per i consumi del Gruppo FS (obiettivo coprire il 40% entro il 2027) e gli obiettivi nazionali che richiedono, nei prossimi anni, ingenti forniture di pannelli solari. Annuncia, inoltre, la collaborazione con ENI per il biocarburante da utilizzare come alternativa al gasolio per i treni che percorrono i 5mila chilometri di linee non elettrificate. Infine, chiude sul Ponte sullo Stretto, un’opera che è parte integrante del più ampio progetto dei Corridoi europei, in questo caso quello Scandinavo – Mediterraneo che collega il Nord Europa toccando le principali città italiane fino a raggiungere Palermo.

Hits: 167

Condividi subito la notizia