Italian Council, al via la dodicesima edizione

Condividi subito la notizia

Ha preso il via la 12esima edizione dell’Italian Council, il programma di supporto e promozione dell’arte contemporanea italiana nel mondo, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Con una dotazione finanziaria di 2 milioni di euro, l’avviso pubblico internazionale finanzia progetti culturali che riguardano la produzione o l’acquisizione di opere d’arte, la produzione di mostre monografiche all’estero, la partecipazione di artisti, curatori e critici a rassegne internazionali, la produzione di progetti editoriali internazionali sull’arte italiana, e sostiene i talenti italiani con grant per residenze all’estero e per lo sviluppo, in prospettiva internazionale, della ricerca artistica, critica e curatoriale.  

“Italian Council si conferma lo strumento pubblico più importante di sostegno all’arte contemporanea italiana, fondamentale nella diffusione e conoscenza delle pratiche artistiche, critiche e curatoriali dei nostri talenti all’estero. Lo scopo principale che il nuovo avviso pubblico si pone è quello di allargare il più possibile la platea dei progetti sostenuti ed esportabili in giro per il mondo. Grazie a questo piano di finanziamenti mirati, l’Italia sta guadagnando sempre più un ruolo di prestigio e credibilità nel contesto artistico internazionale, soprattutto per l’alta qualità dei progetti sinora sostenuti e per la grande capacità di artisti, curatori e critici italiani di saper costruire discorsi di assoluta attualità e urgenza rispetto al mondo in cui viviamo”, ha dichiarato il Direttore Generale Creatività Contemporanea del MiC, Onofrio Cutaia.

Italian Council opera su tre ambiti di intervento, suddivisi in otto azioni: 

• La committenza internazionale per l’incremento delle collezioni dei Musei pubblici italiani supporta progetti che prevedano la produzione di progetti artistici di un artista italiano vivente o l’acquisizione di un’opera realizzata negli ultimi 50 anni nelle collezioni di musei statali, regionali, provinciali e civici italiani. Ogni progetto deve prevedere un programma di promozione internazionale e nazionale. Possono partecipare musei, istituzioni o enti non profit stranieri o partenariati costituiti da realtà italiane e straniere. 

• La promozione internazionale di artisti, curatori e critici italiani sostiene da un lato le proposte di progetti di mostre monografiche presso istituzioni internazionali e dall’altro la partecipazione di artisti a manifestazioni internazionali, che possono comprendere – a titolo esemplificativo – biennali, triennali, festival o mostre collettive di alto prestigio. Linea di azione importante per la disseminazione dell’arte italiana all’estero è il contributo per eventi collaterali all’acquisizione di opere di artisti italiani da parte di musei stranieri. Potranno infine essere sostenuti progetti che coinvolgono curatori italiani invitati come guest curator di mostre o manifestazioni internazionali e progetti editoriali internazionali per valorizzare e promuove a livello internazionale la cultura visiva, l’arte e la critica d’arte italiana degli ultimi 50 anni.  

• Lo sviluppo dei talenti prevede due tipologie di borse (grant): la prima è destinata a sostenere residenze di ricerca all’estero presso istituzioni accreditate, finalizzate allo sviluppo professionale di artisti, curatori e critici di tutte le età; la seconda è destinata al supporto della pura ricerca artistica, critica e curatoriale in prospettiva internazionale, con particolare riguardo alle giovani generazioni e agli artisti, curatori e critici emergenti.

Tutti i progetti dovranno essere realizzati tra la seconda metà del 2023 ed entro il 2024, secondo le scadenze indicate nell’avviso pubblico. La domanda può essere presentata da musei, enti culturali pubblici e privati, istituti universitari, fondazioni, associazioni culturali, comitati formalmente costituiti e qualunque altra soggetto di natura giuridica, purché senza scopo di lucro, italiane e straniere. Dove espressamente previsto dall’avviso pubblico, la domanda sarà direttamente presentata da artisti, curatori e critici.

Le candidature potranno essere inviate esclusivamente tramite il Portale Bandi della Direzione Generale Creatività Contemporanea in base alle scadenze dei singoli ambiti di intervento, seguendo le indicazioni presenti nel bando e nel portale stesso.

Per tutti e tre gli ambiti, le domande possono essere presentate dal 28 febbraio 2023 ed entro e non oltre le ore 16:00 (ora italiana) del 5 aprile 2023.

È possibile chiedere informazioni e/o chiarimenti scrivendo a: italiancouncil@cultura.gov.it.

Hits: 21

Condividi subito la notizia