PUBBLICATO IL  NUOVO ACCORDO QUADRO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE BARESI PER I PROSSIMI QUATTRO ANNI

Condividi subito la notizia

È stato pubblicato sul sito del Comune di Bari, nella sezione bandi di gara, a questo link, il nuovo avviso di accordo quadro per la gestione del servizio di ristorazione scolastica di durata quadriennale per un importo massimo di 13.358.072,00 euro.

Il capitolato ha per oggetto la conclusione di due  accordi quadro corrispondenti ad altrettanti  “lotti funzionali”: lotto  1- Santo Spirito – Palese – San Paolo – Marconi – San Girolamo – Fesca – Libertà – San Nicola – Murat,  e lotto 2 – Madonnella – Japigia – Torre A Mare – Carrassi – San Pasquale – Picone – Poggiofranco – Mungivacca – Carbonara – Ceglie – Loseto.

Ciascun lotto dovrà essere affidato ad un unico operatore economico.

“Con questo avviso – commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano – nei prossimi anni contiamo di fornire circa 4.500 pasti al giorno a cui, grazie allo strumento dell’accordo quadro, potranno aggiungersi altri pasti nelle nuove mense che ci auguriamo le scuole attiveranno anche con il nostro sostegno. La mensa, infatti, non è solo un servizio scolastico ma soprattutto un momento educativo dove imparare la corretta alimentazione.

Il nuovo avviso punterà perciò sulla qualità del servizio, con cibo biologico e a chilometro zero. Al tempo stesso, avrà come obiettivo il rispetto dell’ambiente: ad esempio, dopo aver eliminato la plastica dalle stoviglie, elimineremo anche le bottiglie, inserendo ovunque le brocche di vetro con acqua del rubinetto (sono ormai due anni che siamo a regime con il controllo dell’acqua) e, soprattutto, sostituiremo tutte le stoviglie, attualmente biodegradabili ma monouso, con piatti e posate lavabili non producendo così  nessun rifiuto.

Grande importanza sarà data anche alla lotta allo spreco alimentare: tutto il cibo non utilizzato dovrà essere devoluto, dopo gli opportuni trattamenti, agli enti che curano le mense sociali. Questo perché pensiamo che l’amministrazione, anche nella gestione degli appalti, possa scegliere da che parte stare, optando per un servizio a basso impatto ambientale che spinga le imprese a fare scelte non solo di qualità ma sempre più ecologiche e sostenibili”.

Il servizio di ristorazione scolastica prevede l’esecuzione delle attività di seguito sommariamente indicate:

– servizio economato: la ditta affidataria dovrà istituire, in concomitanza dell’avvio delle procedure d’iscrizione al servizio (una volta l’anno), appositi Punti Office (uno per ciascun Istituto Comprensivo, Circolo Didattico, Settore d’infanzia Comunale), al fine di acquisire le istanze cartacee e procedere al successivo inserimento nel sistema d’iscrizione del portale comunale. Allo stesso tempo dovrà metterà a disposizione dell’Amministrazione una piattaforma applicativa web oriented che consentirà: la visione/stampa/utilizzo dei dati relativi agli utenti del servizio. Sarà messa a diposizione delle famiglie una app attraverso cui ricevere , tra gli altri servizi, l’invio di comunicazioni/news e notifiche.

L’impresa affidataria dovrà garantire la gestione informatizzata mediante APP della prenotazione dei pasti, assicurando altresì una puntuale gestione delle diete speciali e delle presenze di ogni utente in modo da addebitare il relativo costo pasto quotidiano in relazione alla tariffa assegnata.

All’inizio di ciascuna settimana l’impresa è tenuta ad affiggere, all’ingresso delle singole scuole o in apposita bacheca, in maniera che sia ben visibile, il menù settimanale

– la preparazione, il confezionamento, il trasporto dei pasti (comprensivi dei regimi dietetici) costituenti il menu giornaliero, in multiporzione e, quando richiesto, in monoporzione, ai locali di distribuzione e consumo (refettori e/o aule);

– la preparazione e l’allestimento dei locali di distribuzione e consumo. Per l’apparecchiamento potranno essere utilizzate tovaglie oleo e idrorepellenti plastificate riutilizzabili o in tessuto oppure tovagliette monoposto. I tovaglioli monouso in carta tessuto dovranno essere in possesso del marchio di qualità ecologica Ecolabel (UE) o equivalenti etichette ambientali, privi di colorazioni o stampe e, se disponibili, costituiti da cellulosa non sbiancata. La ditta affidataria dovrà impiegare nel servizio di distribuzione un numero di unità lavorative tale da assicurare un tempestivo e ordinato svolgimento del servizio medesimo;

– la distribuzione con scodellamento dei pasti agli utenti dovrà avvenire mediante l’utilizzo di carrelli termici di proprietà dell’I.A., con vasca riscaldata (atta al mantenimento del cibo a temperatura superiore a 65°C) e adatti alla collocazione di contenitori Gastro-Norm. Il numero di carrelli termici dovrà essere adeguato al numero dei pasti da somministrare presso ciascun plesso scolastico;

– la somministrazione dei pasti in stoviglie riutilizzabili quali piatti piani, piatti fondi, ciotole e bicchieri in plastica dura e posate in acciaio inossidabile (posate in acciaio inox 18/10 – lunghezza: coltelli circa 20 cm, forchette circa 18 cm, cucchiai circa 18 cm, cucchiaini circa 12 cm; tutta la posateria deve essere senza saldature, con fondo del manico arrotondato). Nel piano di pulizia delle attrezzature e delle stoviglie, l’I.A. dovrà indicare le modalità con cui intende garantire la riutilizzabilità delle stesse;

– il riordino, la pulizia e la sanificazione di tavoli, sedie, attrezzature, arredi, spazzatura e lavaggio pavimenti; in caso di più turni distributivi è necessario eliminare completamente i rifiuti prodotti nel turno precedente, presenti su tavoli e pavimenti; per la pulizia dei locali e delle superfici dure e nei lavaggi in lavastoviglie devono essere utilizzati detergenti con l’etichetta di qualità ecologica Ecolabel (UE) o equivalenti etichette ambientali;

– la pulizia e la sanificazione dei locali accessori (disbrigo, spogliatoi, servizi igienici) e relativi arredi; per la pulizia devono essere utilizzati detergenti con l’etichetta di qualità ecologica Ecolabel (UE) o equivalenti etichette ambientali (CAM lett. C punto a.7);

– la fornitura dell’utensileria riutilizzabile: mestoli, palette o schiumatole di diverse misure appropriate alle porzioni da servire in base alle diverse fasce scolastica (infanzia e primaria) per garantire la porzione idonea con una sola presa (CAM lett. C punto a.3);

– la fornitura di bilancia automatica per alimenti per consentire il controllo sulla porzionatura e fornitura di termometro a sonda e termometro digitale laser (per le diete speciali) per il controllo delle temperature; – la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, coerentemente con le modalità individuate dall’Amministrazione comunale.

Le caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari impiegate per la preparazione dei pasti dovranno essere conformi ai requisiti chimico-fisico-microbiologici previsti delle vigenti leggi in materia, prediligendo alimenti biologici in una percentuale media superiore al 50%.

Non sono ammissibili sostituzioni di prodotti biologici e/o certificati con prodotti convenzionali ovvero sostituzioni con prodotti non a km 0 e/o non appartenenti al commercio equo e solidale, pena l’applicazione della penale prevista all’art.32 del capitolato di gara.

L’acqua deve essere di rete. Resta a carico dell’impresa la fornitura di idonee caraffe con coperchio in numero sufficiente con un rapporto di 1 caraffa ogni 4 utenti.

Diete in bianco: l’impresa affidataria si impegna alla predisposizione di diete in bianco qualora ne venga fatta richiesta.

Diete speciali: l’impresa affidataria dovrà garantire la possibilità di usufruire del servizio di refezione ai portatori di patologie con definito vincolo dietetico senza variazione del prezzo di aggiudicazione. Per accedere alle diete speciali è necessaria la presentazione di certificato medico. Le diete speciali dovranno essere predisposte da personale qualificato (dietista) e validate, a propria cura e spese, dalla competente ASL.

Diete etico-religiose: l’impresa affidataria dovrà garantire l’erogazione di diete a carattere etico-religioso senza variazione del prezzo di aggiudicazione.

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro e non oltre le 9.30 del 29/08/2022 nelle modalità indicate dal bando.

I chiarimenti in ordine alla presente procedura, dovranno essere formulati esclusivamente mediante quesiti scritti da inoltrare al Responsabile Unico del Procedimento all’indirizzo email c.valrosso@comune.bari.it  (indirizzo mail del RUP) ovvero a mezzo pec: peg.comunebari@pec.rupar.puglia.it.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*