“COM’ERI VESTITA?”: LA MOSTRA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE ARRIVA A LIZZANO

Condividi subito la notizia

Inaugura martedì 7 giugno, alle ore 18.00, presso la Sala Consiliare Falcone Borsellino di
Lizzano la mostra/installazione itinerante “Com’eri vestita?” promossa da Sud Est Donne, il
Centro Antiviolenza Rompiamo il Silenzio Manduria, l’Ambito Territoriale di Manduria e il
Comune di Lizzano

Mostra comeri vestita lizzano giugno 2022 - Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicata

“Ero a scuola per un corso pomeridiano, ero una ragazza introversa e silenziosa. Mi vestivo con
maglioni e pantaloni larghissimi, mi nascondevano ed era quello che volevo. Quando sono andata
in bagno lui mi ha seguita. Mi ha violentata e mi ha lasciata per terra".
Accanto a queste poche parole un maglione grigio e un paio di jeans. Un maglione e un paio di
jeans che ogni donna potrebbe avere nel proprio armadio.
17 abiti che raccontano 17 storie di donne violate: tute, pigiami, maglioni a collo alto che
riproducono quelli reali indossati al momento dell’abuso. È lungo quei fili di cotone che corre la
mostra itinerante “Com’eri vestita?”, nata per destrutturare i pregiudizi che colpevolizzano le
donne vittime di stupro e abusi, che approda a Lizzano, presso la Sala Consiliare Falcone
Borsellino, per essere inaugurata martedì 7 giugno, alle ore 18.00.
Il progetto nasce nel 2013 da un’idea di Jen Brockman, direttrice del Centro per la prevenzione e
formazione sessuale di Kansas, e di Mary A. Wyandt-Hiebert responsabile di tutte le iniziative di
programmazione presso il Centro di educazione contro gli stupri dell’Università dell’Arkansas, ed è
stato diffuso in Italia dall’Associazione Libere Sinergie, che lo ha riadattato al contesto socio-
culturale italiano. Al Sud, e precisamente in Puglia, la mostra è arrivata attraverso il lavoro di
Rosangela Paparella e dell’APS Sud Est Donne: grazie alla collaborazione con l’Ambito
Territoriale di Manduria e con il Comune di Lizzano, il Centro Antiviolenza Rompiamo il
Silenzio Manduria ha portato la mostra, inserendola tra le sue azioni di sensibilizzazione al tema
della violenza di genere, per la prima volta anche a Lizzano.
In occasione dell’inaugurazione della mostra, inoltre, verrà presentato, alla presenza dell’autrice
Elena Manigrasso, il libro “Dizionario dialogato sulla lingua sessista e sul contrasto alla
violenza di genere”. A dialogare con l'autrice Maria Calasso, presidente della Coop. Soc.
Naìma. Il dizionario dialogato sulla lingua sessista e sul cambiamento nasce come proposta
all'interno di diversi progetti scolastici (Scuole materne, elementari, medie) che hanno avuto
come tema "l'educazione di genere". Da qui la genesi di un lavoro meticoloso che raccoglie
parole o detti sessisti, continuato con alcuni studenti e studentesse del biennio di scuola
secondaria di secondo grado dell'hinterland tarantino, con il comitato "Donne in fermento" di
Carosino.
L’inaugurazione della mostra vedrà i saluti istituzionali di Rosa Barone, Assessora al Welfare
della Regione Puglia, Antonietta D’Oria, Sindaca di Lizzano, Anna Maria Lecce, Assessora
Serv. Soc. di Lizzano, Aldo Marino, Resp. Servizi Sociali di Lizzano, Rossella Colonna,
Assistente Sociale di Lizzano, Barbara Serio e Teresa Tatullo, rispettivamente Referente
comunicazione e avvocata del Centro Antiviolenza Rompiamo il Silenzio.

Sarà possibile visitare la mostra fino al 12 giugno (Mattina: h. 9 – 12; pomeiriggio: 16 –
19).
Ingresso libero.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*