Scanzano Reagisci!!!

Condividi subito la notizia

L’ennesimo rogo a Scanzano Jonico, nella tarda serata di ieri, ha questa volta interessato un magazzino ortofrutticolo in via Parisi. Le indagini sono in corso e niente è escluso. 

In attesa di capire come si evolverà questa ennesima vicenda i fatti raccontano che continua a bruciare, Scanzano, colpita al cuore in quelle che sono le due più importanti risorse del territorio: prima il turismo, con la distruzione dei due lidi balneari; ora il settore dell’agroalimentare. 

Questa volta non vogliamo rivolgerci a chi si rende autore di atti simili. 

Ci rivolgiamo a chi lamenta una eccessiva e distorta attenzione nei confronti della comunità di Scanzano Jonico;

a chi urla ai microfoni dei giornalisti o nei messaggi affidati ai social che è sbagliato associare Scanzano alla mafia;

a chi accusa di pseudo giornalismo chi racconta la cronaca di questi accadimenti;

a chi alimenta l’inquietante negazionismo dei fatti;

a chi ripete che Scanzano non merita questo.

A loro diciamo con forza:

E’ vero! Scanzano non merita questo! Non merita di essere raccontata come terra di mafie e di criminalità organizzata! Ma non è ai giornalisti che dovete gridarlo. Non è ai carabinieri, non è alla Procura! 

LO DOVETE GRIDARE AI CRIMINALI! LO DOVETE GRIDARE A CHI HA PRESO IN OSTAGGIO LA VOSTRA BELLISSIMA TERRA E LA STA VIOLENTANDO, USANDO, BARATTANDO. 

RIALZATI SCANZANO! RIPRENDITI LA LIBERTA’ CHE MERITI, QUELLA LIBERTA’ VERA CHE SOLO LA LEGALITA’ RIESCE A GARANTIRE. 

Libera è accanto alla parte sana della comunità. Lo è sempre e lo è stata concretamente percorrendo, con i nostri attivisti, le spiagge dei lidi bruciati, le piazze, stringendo le mani di chi è stato colpito nella dignità del proprio lavoro e del proprio futuro. Lo abbiamo fatto e continueremo a farlo. 

Ma non possiamo fare tutto da soli. 

NON PUÒ GUARIRE UN MALATO CHE NON CREDE NELLA PROPRIA MALATTIA.

REAGISCI SCANZANO!

Coordinamento Libera Basilicata 

Radio Laser - Scanzano Alza la Voce - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*