FRANA ZONA MACELLO. BENE IL FINANZIAMENTO DI 275 MILA EURO REGIONALI, MA ORA OCCORRE SISTEMARE E RIAPRIRE LA VECCHIA PROVINCIALE N.18

PISTICCI. Una buona notizia di fine anno, quella comunicata dall’Assessore Regionale Donatella Merra, circa l’approvazione da parte della  Regione,  di un finanziamento di 275 mila euro per lavori di monitoraggio, studio e  messa in sicurezza  per ripristinare il tratto della Provinciale n.18 nella zona Macello, interessata da frana di fine settembre 2020, che determinò la chiusura al traffico della stessa, salvo poter raggiungere, attraverso uno slalom di segnali stradali, e sbarramenti laterali, solo alcune residenze  oltre ad una attività commerciale altrimenti a rischio di chiusura. Finanziamento che come spiega la Merra, inserito  nel programma stralcio  di interventi  urgenti e prioritari per la difesa del suolo, ma  per noi, anche.  argomento di massima importanza a salvaguardia  di stabilità e sicurezza di un versante della nostra città. Bene quindi il finanziamento regionale, bene l’intervento da effettuare,  ma oltre alla  rimessa in sicurezza di quel tratto interessato allo smottamento,  è oltremodo necessario un radicale intervento per opere  sul resto della vecchia Pisticci – Pozzitello – tratto Macello, uscita a valle del tunnel San Rocco –  ormai letteralmente  abbandonata da  tempo, i  cui ultimi lavori sulla stessa,   se la memoria non ci tradisce – risalgono a diversi anni fa.  Un nostro servizio infatti,  riferiva di  opere per un cedimento  viario più a valle  ( zona  Madonnina) eseguiti dalla impresa  Caruso, quando – ricordiamo – era consigliere provinciale e Presidente della  IV° Commissione LL. PP. Vito Di Trani.  Quindi oltre dieci anni fa. Un tempo enorme. E’ comunque sempre il caso  ribadire certi concetti relativi alla conformazione strutturale della  zona, ricordando che, questa città, per raggiungere Pozzitello, con le due diramazioni  per  Valle del Basento – 407 Basentana,  e  Valle del  Cavone – Sinnica,  dispone di due strade: quella che da S. Donato, attraversa la galleria S. Rocco e l’altra che è la  vecchia provinciale N.18, di inizio dell’altro secolo, che attraverso un percorso tortuoso, a partire dall’imbocco a valle del tunnel,  raggiunge l’abitato. Quest’ultima, chiusa al traffico, è praticamente senza  manutenzione e quindi, sempre più abbandonata. Da qui il problema  che tocca  da vicino la vicenda con un interrogativo: in caso di chiusura anche provvisoria del tunnel S. Rocco (come spesso si verifica), come raggiungere la valle? Risposta: Pisticci, praticamente rimarrebbe isolata in entrata e uscita. Con tutte le conseguenze legate ad un evento che auspichiamo, non dovrebbe accadere. Vicenda  che comunque merita la massima attenzione e il nostro appello oltre che alla Provincia, proprietaria della strada, è rivolto  all’Amministrazione Albano, che sicuramente avrà  a cuore la salvaguardia del nostro territorio, e che nel caso, possa intervenire verso chi di dovere, affinché quel tratto di strada così importante per la vitalità della nostra città, ritorni ad aver il ruolo che le compete.

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*