PISTICCI: I PRIMI PASSI DEI NUOVI PARROCI DON MATTIA, DON ANTONIO E DON FILIPPO

PISTICCI. Per la parrocchia di Sant’Antonio, ma non solo, quella del 7 ottobre scorso, fu un giorno particolare, tutto da ricordare, con il sottile velo di tristezza per  l’ufficiale commiato del beneamato don Michele Leone, chiamato a guidare la importante parrocchia di S.Agnese e quella del SS.Crocefisso di Matera, alla grande gioia per l’insediamento del nuovo parroco, nostro compaesano, don Mattia Albano che, attraverso una solenne cerimonia, alla presenza dell’ Arcivescovo Antonio Giuseppe Caiazzo e di numerosi fedeli, aveva preso possesso  della  nuova sede di piazza Umberto I°. Qualche settimana prima, lo aveva preceduto don Filippo Lombardi nominato nuovo parroco della parrocchia di S. Giovanni Bosco a Marconia  e seguita dalla   presa di possesso  della  parrocchia Madonna del Carmine di Tinchi da parte di Don Antonio Lopatriello,  dopo aver lasciato quella di Craco Peschiera. Entrambi questi ultimi  parroci, nominati dal Vescovo in seguito all’abbandono  programmato dei Padri Maristi,  dopo una storica permanenza di circa mezzo secolo a Marconia e Tinchi. I tre riti  svolti   in un contesto di  speranza per la crescita di una grande comunità di fedeli come la nostra, testimone, negli ultimi anni,  di radicali  cambiamenti con l’ arrivo di nuovi diaconi e di nuovi sacerdoti e nuovi parroci, attraverso quella che, non a caso, è stata definita  la “grande primavera” della chiesa pisticcese. Dal loro insediamento sono trascorsi giorni e settimane, caratterizzati dai primi passi  di don Mattia, don Antonio e don Filippo  nelle nuove sedi parrocchiali,  bravi, tra l’altro, a saper rendere meno traumatico, come del resto sarebbe stato naturale, l’abbandono comandato, di un parroco come don Michele Leone che  qualche decennio fa, seppe raccogliere la non facile eredità di una  storica, capace, lunghissima  guida di un grande sacerdote come fu don Paolo D’Alessandro e quello non meno traumatici dei padri Maristi anche loro, appunto, guida storica di una grande e importante parte del nostro territorio. Don Mattia –  in questi primi due mesi di apostolato, in un rione che lo ha visto nascere e di una parrocchia dove  è cresciuto spiritualmente fino al sacerdozio, unitamente a  don Antonio e don Filppo, hanno saputo porre le basi per tracciare quello che, auspichiamo  con tutto il cuore, sarà il loro percorso di vita spirituale in  mezzo a  gente che ha  dimostrato subito di  volergli bene. La cosa, per chi ha il piacere, ma anche la fortuna di  frequentare il  tempio di Sant’Antonio, quello di Madonna del Carmine e l’altro di S. Giovanni Bosco, la si tocca per mano e tutto fa supporre che, con il costante aiuto dei fedeli, sotto la guida dell’Arcivescovo che  ha fortemente voluto i cambiamenti e  quello DIVIN0  del Signore,  senza comunque mai dimenticare la “benedizione”  di chi li ha preceduti,  darà grandi frutti  per creare un luminoso cammino parrocchiale di fede e comunione, con alle  basi  gli insegnamenti  cristiani  fondati sulla  carità, gentilezza, rispetto della persona umana e non ultimo la disponibilità al perdono.  Tutti principi – riteniamo – già sposati da don Mattia, don Antonio e don Filippo, sempre a guida di un importante, ma anche umile mandato che accompagnerà la loro missione .  Quest’anno per loro  sarà anche  il primo Natale da parroci delle nuove sedi – anche se in un periodo un po’  (troppo) “speciale” a causa di questa terribile pandemia  –  e che  sapranno responsabilmente onorare anche attraverso il rispetto di una antichissima tradizione che da sempre accompagna quello che è l’evento più sentito e bello dell’anno: Il Santo Natale. A don Mattia Albano, a don Antonio Lopatriello,  a don Filippo Lombardi, ma anche a don Michele Leone, l’augurio per il cammino della nuova esperienza parrocchiale e quello per le festività, esteso anche agli altri parroci  don Rosario Manco,  don Antonio Di Leo,  don Giuseppe Di Tolve, don Rocco Rosano, don Giovanni Punzi, don Leonardo Sisto, don Franco Laviola, don Giuseppe Casalaspro, i Padri Maristi che da poco ci hanno lasciato e il nuovo diacono Don Fabio Vena.

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*