Distretto di Turismo rurale “Le Terre di Aristeo”  e il Centro Federica Weblearning (Università degli Studi di Napoli Federico II) per attività formative a distanza

Un Accordo Quadro di Collaborazione è stato sottoscritto tra l’associazione Distretto di Turismo rurale “Le Terre di Aristeo”  e il Centro Federica Weblearning (Università degli Studi di Napoli Federico II) finalizzato a sviluppare attività formative a distanza in modalità weblearning da erogare attraverso i canali digitali del Centro di Ateneo. Il Centro Federica Weblearning è il più grande fornitore mondiale di corsi multimediali ad accesso aperto in italiano;  l’Università degli Studi di Napoli Federico II attraverso lo stesso Centro ha contribuito alla diffusione di nuovi formati on line con l’innovativa direttrice di sviluppo dei MOOC (Massive Open Online Courses), destinati sia al sistema dell’alta formazione che all’apprendimento lungo tutto l’arco della vita (lifelonglearning). Si tratta di un nuovo modello di apprendimento web intensive caratterizzato, tra l’altro, da  ampio utilizzo dell’elemento testuale nelle lezioni attraverso slide descrittive e argomentative; organizzazione delle lezioni in unità didattiche, introdotte da una presentazione video; ampia gamma di link a materiali di approfondimento in rete (web-linking selezionato); offerta di nuclei disciplinari pluri-corso. Federica Weblearning ha un’offerta pubblica di 300 corsi blended, 160 MOOC su piattaforma federica.eu, in italiano ed inglese, 60 su edX, la piattaforma Harvard&MIT. 

Secondo l’Accordo la formazione sarà rivolta alle comunità locali, nazionali e internazionali per favorire, in particolare: lo sviluppo di competenze per migliorare la qualità dell’offerta turistica, produttiva, economica e sociale, anche pubblica; l’inclusione delle comunità locali all’interno del processo di una accoglienza turistica di qualità nell’ambito dello sviluppo complessivo del territorio; lo sviluppo di una micro, piccola e media imprenditorialità locale che miri a combattere i fenomeni di emigrazione che colpiscono in particolar modo le nuove generazioni dei territori ; lo sviluppo di un turismo, con particolare riferimento a quello internazionale, di qualità, esperienziale, slow e di comunità in grado di superare l’attuale condizione, oggi prevalente (c.d. mordi e fuggi).  Il Progetto Pilota 2018, secondo il protocollo tra la Regione Basilicata ed Aristeo “per lo Sviluppo delle Comunità Turistiche Integrato della Basilicata” – sottolinea l’a.d. Saverio Lamiranda – riconosce, tra gli elementi strategici, la cultura e la formazione per tutti, come necessità presupposta ed indispensabile per il successo del progetto e per la crescita delle Comunità Territoriali. Di qui il nostro impegno a promuovere e diffondere i contenuti formativi di Federica Weblearning attraverso i propri canali informativi anche attraverso azioni mirate sui territori; divulgare i corsi, con particolare riguardo a quelli attinenti la tematica turistica, attivando in tal senso anche la rete nazionale dei distretti turistici. Tutte le nostre iniziative – precisa l’ad Terre di Aristeo – sono pronte per essere tradotte e presentate in “progetti definitivi” tanto più che   l’esperienza di Aristeo è riconosciuta nei fatti esperienza pilota a livello Nazionale e Internazionale quale “progetto Pilota integrato” che consenta di coniugare e coinvolgere i diversi segmenti produttivi e sociali necessari per conseguire l’obbiettivo prefissato.  Sui tempi di esecuzione Lamiranda precisa. Questi tempi – dice – non potranno essere “biblici”, ma dovranno essere compatibili con le esigenze del programma e del mercato nel quale i beni e i servizi prodotti dovranno collocarsi. Per questa ragione siamo ancora in attesa degli adempimenti che spettano alla Giunta Regionale.

Turismo: a Matera un incontro di “Agorà 2018”

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*