La Fiom Cgil Basilicata investe sul futuro

Al via a Potenza la formazione dei delegati delle aree industriali del capoluogo di regione, Melfi, Tito, Val d’Agri e Matera

È partita a Potenza, nella sede della Cgil Basilicata e in collaborazione con l’Ires Cgil la formazione della Fiom Cgil Basilicata a supporto dei delegati di azienda e di fabbrica delle aree industriali di Melfi, Potenza, Matera, Tito e Val d’Agri. Il corso, tenuto da Canio Calitri e Alessandro Rampiconi, della Fiom Cgil nazionale, mira a rafforzare i delegati che si impegnano nei luoghi di lavoro per garantire i diritti sindacali e il rispetto del contratto.

Busta paga, storia della contrattazione sindacale, esempi di contrattazione dei metalmeccanici in Basilicata. Questi alcuni dei temi trattati, con un particolare approfondimento sulla nascita del contratto nel 1969 e dello statuto dei lavoratori, figlio proprio del contratto dei metalmeccanici a partire dal diritto di assemblea.

Tra gli esempi di contrattazione locale particolarmente significativi, quello della Comer di Matera, dell’Italtractor di Potenza, quello relativo alla salute e alla sicurezza dei lavoratori dell’indotto di Melfi e quella in atto alla Smart Paper.

“Questo primo corso, sinergicamente con la Fiom nazionale – afferma Maurizio Girasole, responsabile della formazione per la Fiom Cgil Basilicata – arriva a valle di due importanti rinnovi contrattuali, Metalmeccanica e Unionmeccanica firmato dalla Fiom e Fiom, Fim e Uilm, che hanno riconfermato in modo unitario la centralità del contratto nazionale e l’importanza della contrattazione di secondo livello. È necessario mettere a disposizione dei delegati una cassetta degli attrezzi per far conoscere le novità dei nuovi contratti e gli strumenti per la contrattazione di secondo livello che garantiscano il giusto salario e il rispetto dei diritti nei luoghi di lavoro. La sfida più importante è mutuare un percorso che porti a una contrattazione realmente democratica fatta dai lavoratori all’interno della Fca, come si è già fatto per il contratto nazionale di lavoro”.

Potenza, 5/10/2017

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*