CS THALIA: AEROPORTO PISTICCI, NON BASTA PROMOZIONE PER LOCATION GRANDI FILM

Alla nuova edizione della BIT ci presenteremo ancora una volta senza il “pacchetto” soggiorno turistico più volo a Pisticci che è una delle principali richieste di tour operator intenzionati ad investire lungo la costa jonica lucana: è il “grido d’allarme” degli operatori turistici del Metapontino raccolto dal Centro Studi Turistici Thalia per il quale la grande promozione venuta alla struttura aeroportuale Enrico Mattei di Pisticci per essere stata scelta da registi e produttori di due film “Veloce Come Il Vento” e “Ustica” e l’occasione-palcoscenico dei Premi David di Donatello 2017 saranno pure una bella soddisfazione ma il volo da Pisticci non può essere solo la storia di un film.

La stagione 2016 – sottolinea il Cs Thalia – si è chiusa nel Metapontino con un leggero incremento di arrivi e presenze rispetto al 2015; tuttavia sono i dati della permanenza media (5,82 giorni) e del tasso medio di occupazione delle camere (37,46%) entrambi al di sotto del 2015, ad evidenziare il “punto di debolezza” che trova motivazione nelle carenze infrastrutturali e principalmente in quella dell’aeroporto. Non è casuale che rispetto al 1 milione 400 mila di arrivi-presenze di italiani nelle 130 strutture alberghiere ed extralberghiere della costa metapontina (6 in più in un anno) per 20.741 posti letto, gli stranieri si fermano al di sotto delle 70mila unità tra arrivi e presenze. Se non ci sono servizi di trasporto veloce che solo l’aereo è in grado di garantire è evidente che i turisti stranieri optano per il Salento (aeroporto di Brindisi) o per la Sicilia (Catania, Palermo) e le isole. Come diventa impensabile riuscire ad incrementare la permanenza media e ad “allungare” la stagione.

L’ultima possibilità prima della grande stagione estiva – si legge nella nota – è offerta dalle manovre di bilancio 2017 e triennale 2017-2019 che il Consiglio Regionale deve approvare subito dopo Pasqua: se esse conterranno risorse finanziarie significative si potranno intensificare i voli sperimentali con gli aerei sino a 9 posti in attesa dei voli con aerei sino a 19 posti. Purchè non accada come nelle precedenti manovre di bilancio con le risorse previste per i voli sperimentati per 2 milioni di euro in totale che non sono mai state spese.

Infine, l’annuncio venuto da Winfly, società di gestione e compagnia aerea, che Pisticci sarà a breve sede dell’Aereoclub d’Italia di Basilicata, che raccoglie insieme piloti , appassionati e tanti altri nel settore dell’aviazione, lascia ben sperare sui voli privati che saranno sicuramente intensificati.  L’Aereoclub d’Italia dipende dal Ministero Trasporti , dà lustro e importanza alle scuole di volo come quella che sta per partire a Pisticci e rappresenta il livello più alto e riconosciuto tra i sodalizi dedicati alla diffusione della cultura aeronautica e al volo con un fitto programma di eventi e manifestazioni sportive di forte richiamo turistico.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*