AI LABORATORI MUSICALI DI TREPUZZI LA MASTERCLASS DEL CHITARRISTA STATUNITENSE MIKE MORENO

Domenica 5 febbraio (dalle 16 alle 19 / 35 euro / info e iscrizioni 0832756021) i Laboratori Musicali di Trepuzzi, in provincia di Lecce, ospiteranno la MasterClass del chitarrista americano Mike Moreno. Il musicista e compositore fornirà una visione del suo emozionante stile chitarristico, della sua tecnica e dei suoi concetti di sound, concentrandosi su ritmo, suono e toni.

Originario di Houston in Texas, Mike Moreno inizia a studiare musica formandosi alla “Houston High School for the Performing and Visual Arts”, rinomata per alcuni illustri studenti come Jason Moran, Robert Glasper, Brian Michael Cox, Eric Harland, Chris Dave, Kendrick Scott e Beyoncè. Finiti gli studi, si trasferisce a New York con una borsa di studio per la New School University. Durante gli studi inizia ad essere notato e viene chiamato in tour con alcuni nomi importanti del panorama jazz internazionale. Negli anni ha collaborato con The Joshua Redman Elastic Band, Lizz Wright Band, Nicholas Payton Quartet, Stefon Harris Sonic Creed, Me’shell N’Degeocello, Jason Moran, Terence Blanchard, Robert Glasper, Ambrose Akinmusire, Gretchen Parlato, Aaron Parks, Claudia Acuña, Greg Osby 4, Wynton Marsalis and the Jazz at Lincoln Center Orchestra, Jef “Tain” Watts, Jaremy Pelt, Jhon Ellis, Myron Walden, Kenny Garret, Yosvany Terry, Ralph Bowen, Will Vinson e tanti altri. Mike ha registrato con numerosi grandi artisti ottenendo anche tre nomination ai Grammy (“The Renaissance” di Q-Tip, “Aurea” di Geoffrey Keezze e  “Re-imagination” di Eldar). La sua discografia include collaborazioni con musicisti come Bilal, Jeremy Pelt, Robert Glasper, John Ellis, Aaron Parks, Jimmy Green, Myron Walden, Sam Yahel, Ralph Bowen, Marcus Strickland, Yosvany Terry, Kendrick Scott Oracle, Will Vinson e Bob Reynolds. Riconosciuto come una delle voci più importanti nel mondo della chitarra jazz, Mike ha girato molto e ha registrato come leader della propria band, suonando la sua musica originale tanto acclamata dalla critica. Nel 2007 pubblica il suo primo CD “Between The Line” per la World Culture Musica Label, che Nate Chinen ritiene tra i migliori 10 album jazz del 2007 sul The New York Times. Registra il suo secondo e terzo album, “Third Wish” (2008) e “First in Mind” (2011) per la Criss-Cross Records. Ritorna alla World Culture Music per pubblicare “Anoteher Way” inserito tra i 25 “Best of 2012” su Itunes. Il suo album più recente “Lotus” è stato pubblicato nel 2015.

I Laboratori musicali sono una struttura di oltre 1000 metri quadrati, tre sale prove, due sale registrazioni, due sale regia, nove stanze per la didattica, una sala eventi. L’offerta dei Laboratori Musicali parte dallo spazio messo a disposizione per far nascere e crescere le idee. Uno spazio multifunzionale, sviluppato su due piani, attrezzato per soddisfare tutte le esigenze di natura tecnica e artistica legate al mondo della musica. Principianti e addetti ai lavori possono usufruire di un ambiente professionale e accogliente, vissuto prima di tutto come un luogo di socialità, dove fermento e creatività sono all’ordine del giorno. La struttura è anche sede dell’etichetta discografica La Rivolta Records e di Zero Web Radio. L’Academy è composta da un corpo docente aggiornato e dinamico, di comprovata esperienza artistica e professionale. La scuola è impostata per andare incontro alle specifiche esigenze di ogni singolo allievo, e volge l’attenzione ad una didattica improntata sul lavoro d’insieme. Per questo, alle lezioni individuali di tecnica dello strumento si propongono classi di grammatica musicale e speciali session di musica d’insieme.

Sino al 6 maggio prosegue anche “Incontri d’autore“. Dopo l’appuntamento di apertura con Giulio Ragno Favero la rassegna – che ospiterà alcuni tra i principali produttori musicali italiani – proseguirà con Max Casacci, chitarrista e produttore dei Subsonica (4 marzo), Riccardo Sinigallia, musicista, cantautore e produttore (1 aprile) e Gianni Maroccolo, bassista e produttore dei Litfiba (6 maggio).


Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*