Aereoporto Salerno: E’ possibile persino rubare un aereo indisturbati, dove finiscono i soldi della regione?

Il video pubblicato da Il Corriere.it che dimostra lo stato di abbandono dell’aeroporto di Salerno – Pontecagnano al punto che è possibile persino rubare, indisturbati, un aereo, con tanto di documentazione di immagini, deve far riflettere chi come la Regione Basilicata ha investito soldi propri che tra l’altro hanno visto la Corte dei Conti chiedere “spiegazioni” per l’operazione sottoscrizione quote società. Per il Centro Studi Turistici Thalia in tempi magri per le finanze regionali è tempo di una riflessione attenta. Non c’era bisogno del video del quotidiano milanese per testimoniare che la struttura aeroportuale sulla quale punta la regione per accrescere il turismo e non solo  è un vero e proprio colabrodo, a tutti i livelli: gestionale, infrastrutturale e di sicurezza. Partiamo da quest’ultimo punto: la sicurezza dello scalo. Alcuni varchi lungo il perimetro dell’aeroporto Costa d’Amalfi di Pontecagnano non funzionano, restano aperti per la rottura di un cancello e le garitte per la sorveglianza sono vuote.

Per l’Enac è un aeroporto certificato. Per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è uno scalo strategico di interesse nazionale. Il governatore della Regione Campania  ha appena investito 2,5 milioni di euro, quello della Basilicata ne investirà pochi meno. Ma la funzionalità dell’aeroporto Costa d’Amalfi è ferma a qualche volo charter dell’estate scorsa. Gli operatori turistici hanno guardato con grandi aspettative allo scalo aeroportuale che comunque non risolve la carenza di una struttura aeroportuale regionale e devono ricredersi. C’è bisogno di una strategia diversa. Il Piano Regionale Trasporti dedica un capitolo specifico puntando sul Costa d’Amalfi e sull’Enrico Mattei di Pisticci. I due aeroporti non sono concorrenziali anche se va preso atto che per Salerno gli impegni di sottoscrizione quote societarie sono stati ampiamente mantenuti. Non cos’ per Pisticci con il blocco di 2 milioni di euro stanziati a gennaio 2016 e mai erogati. Dunque non basta credere nello scalo salernitano senza adeguate garanzie sulla gestione la funzionalità a cominciare dal prevenire i furti di aerei.

Qui è possibile visionare il video

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*