“Un patto per la Basilicata”: l’istanza di industriali e imprese al ministro Calenda

POTENZA, 14 novembre 2016 – Un nuovo Patto per lo sviluppo della Basilicata. E’ questo il messaggio che Confindustria Basilicata e Pensiamo Basilicata hanno consegnato, questa sera, al Ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, e al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, nel corso dell’evento “Industria 4.0”. Un momento di confronto tra mondo produttivo e istituzioni, nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazioni degli industriali lucani e il manifesto che raccoglie le associazioni imprenditoriali di Basilicata.

Un incontro che ha messo al centro la necessità, di tutto il Paese e in particolare della Basilicata, di recuperare competitività anche attraverso la spinta alla forte innovazione tecnologica. E quindi l’invito al Governo a dare rapida attuazione alle strategie delineate nel Piano Industria 4.0 e recuperare il gap che ancora ci distanzia dai Paesi europei in cui la fabbrica 4.0 e’ già realtà. Tenendo conto delle specificità del territorio e del tessuto produttivo nazionale in generale, lucano in particolare.

“I recenti dati Svimez – ha dichiarato il presidente di Confindustria Basilicata, Pasquale Lorusso–  mostrano segnali, seppure ancora timidi , di ripresa. In questa fase e’ fondamentale finalizzare tutte le nostre azioni verso gli obiettivi di crescita secondo quel modello che ha già visto responsabilmente insieme parti datoriali, associazioni delle imprese, Regione e sindacati”.  Non solo Industria 4.0, l’invito arrivato daConfindustria Basilicata e Pensiamo Basilicatae rivolto al ministro Calenda e’ stato anche a premere sugli altri acceleratori di sviluppo.

“Sgomberando innanzitutto il campo – e’ stato l’appello del coordinatore di Pensiamo Basilicata, Paolo Laguardia – da falsi miti come quello di un Sud inetto. O ancora di una Basilicata cenerentola d’Italia. Puntando, invece, su quelli che possono essere i punti di forza di una regione che ha già saputo dare prova di grandi capacità”. Come la pianificazione di obiettivi di sviluppo, anche attraverso il coinvolgimento e l’impegno delle compagnie petrolifere sul territorio e l’intermediazione del Governo. E , ancora, il rafforzamento delle opportunità formative del capitale umano per qualificare le competenze dei più giovani. Al presidente Pittella, invece, il pungolo a lavorare “ con più coraggio e più merito per una Basilicata che ha bisogno di cambiare passo”

Il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella ha messo in evidenza i buoni risultati raggiunti negli ultimi,  “ come la riduzione della disoccupazione, rispetto alle altre regioni del Mezzogiorno – ha detto sul palco del Centro per la Creatività  Cecilia di Tito – ela valorizzazione delle start up. Stiamo cambiando paradigma e i risultati si vedono”.

A chiudere i lavori, il ministro Calenda che ha assicurato l’impegno del Governo ad aprire un dialogo con e per la Basilicata. “Per troppi anni – ha concluso – l’Italia non ha parlato di crescita. Abbiamo bisogno di una governance  forte, di istituzioni centrali e locali forti. Il Sud non e’ una riserva indiana. L’impegno del Governo per Industria 4.0 è pari al Nord, quanto al Mezzogiorno”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*