CONSORZIO TURISTICO ALTA VAL D’AGRI: CACCIA AI POKEMON IN VAL D’AGRI

Un invitopokémon-go a dare la caccia ai Pokémon, i “mostriciattoli” che stanno conquistando tutti (non solo ragazzi) viene dal Consorzio Turistico Alta Val d’Agri : i giocatori sono stati informati della presenza di “palestre”, Pokéstop e di diversi Pokémon acquatici in particolare tra  Villa d’Agri e Viggiano e nel Parco Val d’Agri. Il nuovo gioco rilasciato in Italia il 15 luglio  si presta a diventare un vero e proprio fenomeno virale di dimensioni mai viste prima. Grazie alla realtà aumentata sulla quale si basa tutto il divertimento del gioco, Pokémon Go diventa perciò – sottolinea il Consorzio Turistico Alta Val d’Agri – anche un’occasione di marketing  per attività commerciali, e soprattutto per il turismo. La dinamica del gioco è ormai nota a tutti: lo scopo di ogni giocatore è quello di catturare Pokémon e lo si può fare girando per le strade. GPS attivato e un layer di gioco che si basa su una cartografia reale permettono ai giocatori di individuare i luoghi dove sono presenti i Pokémon e di catturarli. Oltre ai piccoli mostriciattoli, attraverso il gioco si possono individuare le palestre  e i Pokéstop, ovvero i luoghi in cui fare rifornimento di Pokéball e uova. Sia le palestre che i Pokéstop sono posizionati in luoghi conosciuti come ristoranti, aree turistiche, teatri, musei, monumenti che, segnati sulla mappa del gioco, divengono subito un centro d’attrazione per i giocatori. E questo può diventare un punto di forza per aumentare visibilità e indotto dal punto di vista del turismo. Il gioco è dunque  uno strumento per attirare pubblico verso un luogo turistico grazie ai quali i Pokémon presenti nel circondario verranno attirati, e di conseguenza anche i giocatori. Di qui l’invito alla “caccia” in Val d’Agri – il Consorzio non indica i luoghi precisi dove sono stati “avvistati” da numerosissimi giocatori  i “mostriciattoli” – per cogliere l’occasione tra una “cattura” e l’altra di fermarsi a mangiare un piatto della migliore tradizione della cucina locale, a scoprire le risorse naturalistiche del Parco, quelle paesaggistiche ed archeologiche, a programmare una vacanza, magari sfruttando i tanti pacchetti del Consorzio validi (con sconti famiglia) anche a Ferragosto. Chi sa che i Pokemon diventino testimonial di una nuova stagione del turismo che da queste parti risente ancora dell’effetto stop attività piena del Cova di Viggiano con gli alberghi e i ristoranti, gli esercenti commerciali ancora vuoti di dipendenti Eni ma “pieni” di Pokemon.  

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*