Presidio in piazza Mario Pagano a favore di nuove politiche per i Migranti

Si è svolto oggi in piazza Mario Pagano a Potenza il presidio unitario di CGIL, CISL e UIL Basilicata in occasione della Giornata di mobilitazione a favore delle Politiche per i Migranti. Tre i punti di intervento: permessi più lunghi, contrasto al lavoro nero, sospensione dell’ulteriore contributo sui permessi di soggiorno. La crisi economica in Italia ha colpito duramente anche il lavoro degli stranieri: il loro tasso di disoccupazione ha ormai raggiunto quota 17%. Oltre a questo dramma, che accomuna tutti i lavoratori, gli immigrati vedono però messa in discussione anche la propria permanenza regolare sul territorio nazionale: se non trovano un nuovo lavoro, perdono anche il permesso di soggiorno.


Molti vanno all’estero a cercare occupazione, altri fanno rientro nel proprio Paese d’origine, ma la maggior parte di loro finisce nella trappola del lavoro sommerso e viene quindi risospinta nell’illegalità. In attesa di risposte dal governo nazionale, CGIL, CISL e UIL di Basilicata sono scesi in piazza per chiedere di prorogare a due anni la durata del permesso di soggiorno per attesa occupazione; sanare le posizioni dei migranti che hanno già perso il permesso di soggiorno; effettuare una lotta seria per il contrasto al lavoro nero; dare delle indicazioni univoche alle Questure finché il permesso venga rinnovato correttamente e in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale, procedere ad una applicazione coerente della recentissima sentenza del TAR del Lazio che riconosce la sospensione dell’ulteriore contributo sui permessi di soggiorno.




Commenta per primo

Rispondi