“NON RESTARE IN SILENZIO”, promossa dal Comune di Pomarico

Condividi subito la notizia

In occasione del 25 Novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, a sostegno dell’iniziativa “NON RESTARE IN SILENZIO”, promossa dal Comune di Pomarico, gli studenti e docenti della Scuola secondaria di I° dell’Istituto Comprensivo di Miglionico plesso di Pomarico, rifletteranno sul significato di questa giornata, esponendo i propri pensieri e messaggi, deponendo un mazzo di fiori rossi sulla panchina Rossa, inaugurata in Piazza della Liberazione il 25 novembre 2020, a Pomarico e facendo volare dei palloncini rossi, simbolo della lotta contro ogni forma di violenza. In tutte le classi sarà esposto un palloncino rosso. L’evento si terrà, domani, alle 9.30 in Piazza delle Liberazione e vedrà gli interventi del Sindaco Francesco Mancini, dell’Assessore alla Cultura Beatrice Ilaria Difesca, della dirigente scolastica Alma Tigre e della psicologa Maria Loviglio.

Per il Sindaco Mancini: «La violenza sulle donne è una piaga sociale che ha profonde radici culturali, e su cui è necessario agire con grande fermezza e più rapidamente possibile. Di violenza sulle donne è importante parlare, ed è fondamentale e farlo il più possibile in tutte le situazioni e le circostanze che lo consentono. Bisogna incidere sulla cultura attraverso percorsi di sensibilizzazione, sui temi del contrasto della violenza sulle donne e della promozione della parità di genere, la formazione, in particolare, debba essere indirizzata verso la costruzione di un’identità umana che escluda ogni forma di odio e discriminazione».

Sul tema è intervenuta anche Alma Tigre, Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Miglionico- Pomarico – Grottole: «La scuola è luogo in cui contrastare gli stereotipi di genere, che sono alla base di una visione errata di donne e uomini nella società: educare alle differenze e mettere in discussione i rapporti sociali che sostengono la violenza sono il miglior modo per eliminare alla radice le cause della violenza. Per educare alla non violenza è necessario lavorare fin dall’infanzia sulla creazione di relazioni positive e paritarie. Per questo sono stati organizzati nelle classi momenti di informazione e riflessione, con lo scopo di sensibilizzare gli alunni su questa tematica di particolare attualità e rilevanza nell’ambito dell’Educazione Civica e del rispetto dei diritti umani. Iniziative di sensibilizzazione per ricordare che non bisogna restare in silenzio e che bisogna educare i bambini e le bambine alla non violenza e al rispetto».

Per l’Assessore alla Cultura Beatrice Ilaria Difesca: «Sappiamo quanto il fenomeno della violenza sulle donne sia ampio, diffuso e strutturato nel nostro paese É un dramma che condiziona tutti gli aspetti della vita sociale e rappresenta una delle forme più evidenti di diseguaglianza. Proprio perché si tratta di un problema strutturale, è necessario che l’azione di prevenzione di questo fenomeno parta dalle scuole, dove i ragazzi e le ragazze possono apprendere valori quali il rispetto, l’etica e la legalità. All’interno di questo contesto è possibile educare, sensibilizzare e informare su un tema così attuale e così importante che riguarda tutti, nessuno escluso».

Le attività commerciali, come sempre, sensibili alle iniziative attraverso l’Assessore alle Attività Commerciali Margherita Dicanio, esporranno un nastro rosso fuori dalle loro attività.

Radio Laser - IMG 20221124 WA0019 - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*