DON GIUSEPPE LOIZZO NUOVO ASSISTENTE SPIRITUALE DELLA POLIZIA LOCALE DI GRAVINALA NOMINA È GIUNTA DA MONS. GIOVANNI RICCHIUTI

Condividi subito la notizia

Nelle scorse settimane, Don Giuseppe Loizzo, Parrocco della Chiesa SS. Crocifisso,  è stato nominato, dall’Arcivescovo Monsignor Giovanni Ricchiuti, nuovo assistente spirituale della Polizia Locale di Gravina in Puglia

Lo ha annunciato lo stesso Vescovo durante la visita istituzionale che il Sindaco e la Giunta Municipale hanno fatto presso il Palazzo Vescovile.

Dichiarazione del Sindaco Dott. Fedele Lagreca

Mi ha fatto un enorme piacere ricevere questa notizia.

Esprimo vivo apprezzamento per questo incarico che inorgoglisce il corpo della Polizia Locale che potrà contare su una figura di riferimento spirituale profondamente umile e umana.

È il giusto riconoscimento a un sacerdote che ha un ruolo di grande rilievo all’interno della Diocesi, oltre ad essere alla guida di una Parrocchia molto grande e particolarmente vissuta dai parrocchiani.

Don Giuseppe Loizzo, da sempre è impegnato nel sociale e nel contesto civile è apprezzato da tutti per la sua capacità di ascolto e dialogo, come per la costante attenzione che ha nei confronti dei meno abbienti.

Dichiarazione del Comandante della Polizia Locale di Gravina Comm. Sup. Simone Lamuraglia

Per le donne e gli uomini della Polizia Locale è un momento di grande festa.

Dopo Don Angelo Casino figura di grande carisma, per tanto tempo il nostro Corpo di Polizia Locale è stato sprovvisto di questa figura.

Don Giuseppe è il Parroco della Chiesa dedicata a San Sebastiano, Santo Patrono della Polizia Locale. Da quando è qui ha accompagnato i momenti più importanti della nostra festa, diventando un riferimento per tutti gli agenti della Polizia Locale.

Dichiarazione di Don Giuseppe Loizzo

Ho accolto in spirito di servizio la nomina che paternamente l’Arcivescovo ha voluto conferirmi come Cappellano della Polizia Locale di Gravina in Puglia.

Mettersi accanto alle istituzioni come presenza spirituale significa sostenere il dedicato lavoro di chi si prende cura del bene comune e di chi è al servizio dei cittadini.

Essere a loro di supporto, mettersi accanto ai più giovani, essere forza e sostegno per i più anziani, aiutare a vivere quelle relazioni all’interno del corpo di Polizia e soprattutto guardare con loro ad una progettualità che intravede un orizzonte sempre più fraterno che mette insieme relazioni d pace di amicizia di autentica vita sociale all’interno del tessuto cittadino e in qualche modo portare la bellezza, la luce e la forza del cielo, la presenza di Dio in questa vita quotidiana della città sulla terra.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*