Autonomia, Bardi: “Oggi iniziato un confronto, federalismo del 2001 è stato disastroso”

Condividi subito la notizia

“Uno scambio di vedute tra i presidenti di regione con il ministro Calderoli, dal quale è emerso un metodo di confronto molto costruttivo, rispetto al quale voglio ringraziare il Presidente Fedriga. Abbiamo ben chiare la specificità delle nostre esigenze, ma è chiaro che siamo solo all’inizio di un’ipotesi di percorso di riforma, per cui non capisco le polemiche, se non legandole a legittime esigenze di posizionamento politico. Vorrei ricordare a tutti che il federalismo approvato dal centrosinistra nel 2001 è stato un disastro, ha aumentato il divario nord-sud, che la spesa storica avvantaggia le regioni del nord e su questi temi in 20 anni non si è mai intervenuto, pur potendolo fare. E poi c’è il tema dei LEP, che sono una precondizione rispetto a ogni prospettiva futura. Ovviamente come Regione Basilicata siamo molto interessati al tema dell’energia, anche considerando che in questi decenni poco è rimasto sul territorio e il primo segnale concreto verso i cittadini lo abbiamo fatto noi con il bonus gas e il bando per i non metanizzati, grazie alle risorse rinvenienti dalle compensazioni ambientali. Una maggiore autonomia in tale ambito potrebbe essere un’opportunità e ci darebbe la possibilità di aiutare in maniera strutturale il tessuto produttivo lucano. C’è il tema delle rinnovabili, che non sono “labor intensive” e che non “lasciano” benefici sul territorio, pur essendo una grande opportunità per tutti e rispetto alle quali la nostra Regione è già molto avanti e stiamo anche recuperando taluni ritardi del recente passato. Chiaramente il problema principale della nostra terra sono le infrastrutture, rispetto alle quali scontiamo un gap secolare e sul quale ci aspettiamo un intervento importante da parte del nuovo governo, dato che i 600 milioni di euro stanziati dal PNRR sul tema non sono sufficienti”. Lo afferma in una nota il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, a margine dell’incontro in Conferenza stato-regioni con il Ministro Calderoli.

Quanto alla conferenza odierna di due consiglieri regionali, il Presidente Bardi ribadisce “la mia ferma volontà di andare avanti, la mia abitudine al confronto e mi auguro ovviamente che possa esserci un ripensamento. Non inseguo nessuno, ma le mie porte sono aperte a tutti coloro che vogliano dare un contributo sulle cose concrete, nell’esclusivo interesse dei lucani. Non replico alle offese personali, perché ho uno stile ormai noto a tutti i lucani”, conclude.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*