Melucci: «Il Presidente Meloni cacci questi sciacalli senza regole né onore dall’Italia»

Condividi subito la notizia

A proposto dei provvedimenti odierni a carico dell’indotto di Taranto, ci diranno anche questa volta che è colpa della crisi, o che il Governo non ha mantenuto i propri impegni nell’ultimo DL Aiuti, o ancora che è il mercato e si ritengono liberi di fare come meglio ritengono, o peggio che le imprese ioniche non hanno i requisiti e non sono all’altezza.

Invece, la verità è semplicemente che Acciaierie d’Italia, purtroppo ancora condotta da Arcelor Mittal, continua a infischiarsene di Taranto e dell’Italia, a dispetto del nome del sodalizio. Ormai la si potrebbe considerare alla stregua di una permanente estorsione di Stato, che manda all’aria qualunque consuetudine o regola delle accettabili relazioni industriali e internazionali. Mentre le regole morali l’ex Ilva le aveva già cestinate da un pezzo.

Fossi nel Premier Giorgia Meloni farei quello che nessuno ha avuto sinora il coraggio di fare, caccerei subito Arcelor Mittal a pedate, con la stessa eleganza con cui loro hanno trattato tutti i precedenti Governi della Repubblica dal 2017 ad oggi. Dopotutto, sono tempi straordinari, ogni potenza mondiale sta modificando le proprie strategie e priorità per garantire gli interessi nazionali.

Non può più esserci un acciaio non sostenibile, non può più esistere un acciaio non italiano, non può più essere tollerata una gestione sempre a danno dei contribuenti e delle imprese locali, e sempre in spregio della qualità della vita dei lavoratori e dei cittadini.

La fase di tregua, volta a valutare e consentire la costruzione di un nuovo percorso verso il piano industriale del futuro, oggi viene unilateralmente dichiarata esaurita da Acciaierie d’Italia. Il Comune e la Provincia di Taranto prenderanno in considerazione ogni iniziativa ordinamentale per la tutela della comunità ionica. Mi auguro che questa volta la voce delle associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali del territorio si levi distinta ed inequivocabile nella medesima direzione.

Rinaldo Melucci
Sindaco e presidente della Provincia di Taranto

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*