La Capitaneria di porto di Maratea da il via alla redazione del primo piano rifiuti portuale, ora serviranno i duecentomila euro promessi dalla Regione ad aprile 2021.

Condividi subito la notizia

Nella missiva del 07 novembre, inviata al Comune di Maratea, alla Regione Basilicata e al cluster marittimo, la Capitaneria viene definita “autorità competente” per la  redazione del Piano di gestione dei rifiuti. 

Finalmente il D.lgs. 197 dell’8 novembre 2021 ha recepito la direttiva UE 2019/883, e ha modificato la precedente impalcatura legislativa ferma al 2003.

In particolare la Capitaneria di porto di Maratea, d’intesa con la Regione Basilicata, dovrà emanare l’ordinanza che costituirà il piano di raccolta e gestione dei rifiuti portuale.

Il ventisei aprile 2021, successivamente alle missive delle Associazioni di categoria e della Capitaneria di Porto, gli organi di stampa, annunciarono lo stanziamento da parte della Regione di duecentomila euro per la questione rifiuti portuali. 

Oggi è importante capire come quell’annuncio possa essere tramutato in economie concrete che dovranno trovare le soluzioni strutturali che il Porto di Maratea da sempre aspetta.

Chiediamo agli Assessori Latronico e Merra di impegnare la giunta Regionale, affinchè si renda strutturale il finanziamento per il piano rifiuti portuale che finalmente consentirà ai marittimi di sbarcare e destinare i rifiuti prodotti e derivanti dal recupero volontario nell’ambiente marino, secondo la norma vigente “salva mare”.     

CHIAPPETTA  MANUEL  

esecutivo Regionale di Basilicata 

Radio Laser - Immagine WhatsApp 2022 11 08 ore 12.06.39 - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*