Dichiarazioni dell’assessora Marianna Annicchiarico e del Presidente dell’associazione “Vite da Colorare”, Massimo Quaranta relative al lancio della Campagna regionale di sensibilizzazione “Posso prima io”. 

Condividi subito la notizia

L’emergenza epidemiologica da Covid-19 iniziata nel 2020 e le norme di contenimento ad essa correlate, hanno cambiato profondamente la vita di tutti, e aggravato in particolare modo quella dei caregiver di persone con disabilità gravi e gravissime, che proprio per la paura del contagio dei loro cari, spesso con difese immunitarie basse, hanno rinunciato all’assistenza domiciliare, facendosi carico di tutte le cure necessarie a garantire il loro benessere psico-fisico. E le norme di contenimento ministeriali del 2020 che hanno imposto orari più ristretti delle attività commerciali, hanno purtroppo causato molto spesso lunghe code e un impiego maggiore di tempo per svolgere le normali commissioni quotidiane. Ma se per la maggior parte dei cittadini, questo ha richiesto solo una migliore organizzazione dei tempi a disposizione, per le famiglie con un carico assistenziale importante, ciò ha causato enormi disagi perché si sono trovate a dover scegliere tra la prestazione delle cure ai propri cari e la gestione delle commissioni nei vari esercizi commerciali.  

Pertanto l’Amministrazione comunale di Grottaglie, su sollecitazione di Vite da Colorare associazione jonica Malattie rare e neurologiche gravi Onlus, nella persona del Presidente Massimo Quaranta,  con delibera di giunta n. 125 del 12 maggio 2020, avviava la campagna di sensibilizzazione “Posso Prima io?” grazie alla quale il familiare che presta le cure a una persona con grave o gravissima disabilità (legge 104, art 3 comma 3) è stato munito di un pass nominativo rilasciato dal Comune di Grottaglie con il quale ha potuto segnalare la propria priorità nell’accesso alle attività commerciali, banche, farmacie, parafarmacie, supermercati e mini market per poter fare rientro al proprio domicilio nel minor tempo possibile.  

Oggi, a Bari un importante protocollo sottoscritto dalla Regione Puglia con Anci, Legacoop, Confcommercio, Federfarma, Confartigianato Imprese Puglia, Confesercenti e Confcooperative ha sancito l’estensione di questa iniziativa su tutto il territorio regionale, grazie alla disponibilità e al lavoro svolto dall’Assessorato regionale al Welfare, guidato dall’Assessora Rosa Barone.  

I commercianti, i farmacisti e i consumatori saranno opportunamente coinvolti e invitati a collaborare nel rispetto di questa semplice regola di convivenza civile che richiede la comprensione e la solidarietà di tutta la cittadinanza. 

“Questa iniziativa vuole essere una vera e propria richiesta di collaborazione e solidarietà sociale a tutto il tessuto economico e commerciale, perché cedere il proprio posto mentre si sta in fila possa diventare una norma acquisita da tutti, considerato che dovremmo sentirci più coinvolti e responsabili delle fragilità sociali e di chi le assiste. Un segnale di vicinanza a chi già si prodiga quotidianamente nella cura di persone con gravissime disabilità che, richiedono ulteriori attenzioni”, dichiara l’assessora alle politiche sociali del Comune di Grottaglie, Marianna Annicchiarico

Il Presidente di Vite da colorare, Massimo Quaranta,  dichiara: “Grottaglie è stato il primo comune ad adottare questa campagna e la Regione Puglia la prima in Italia a estenderla a tutto il territorio di propria competenza: ci auguriamo che possa essere promossa a livello nazionale per un ulteriore passo verso la civiltà. La civiltà di un popolo là si misura attraverso l’attenzione verso i più fragili”.    

Radio Laser - Posso prima io - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*