QUARTO (FDI) A SOSTEGNO DELLA PETIZIONE CONTRO IL CIBO SINTETICO

Condividi subito la notizia

“Ha preso il via da qualche giorno a Potenza e Matera, la petizione contro il cibo sintetico promossa a livello nazionale da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica, Filiera Italia e World Farmers Markets Coalition”. Così il segretario e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Piergiorgio Quarto . “Le multinazionali del latte in provetta, del pesce e delle carni sintetiche, stanno tentando di mettere sul mercato prodotti ‘Frankenstein’ che potrebbero anche avere il lasciapassare europeo con le prime richieste di autorizzazione all’immissione in commercio. Per questo è importante l’impegno della politica, oltre che delle associazioni di categoria su questo tema. È necessario – continua Quarto – scuotere le sensibilità dei cittadini sui rischi che potrebbero esserci, valorizzando quello che da sempre compone la nostra dieta quotidiana: il cibo naturale. La scarsa tutela del cibo naturale, peraltro in una regione come la Basilicata, nella quale le eccellenze alimentari sono il fiore all’occhiello della produzione locale – prosegue il consigliere regionale – e hanno dietro migliaia di lavoratori , non può essere in alcun modo tollerata. Si tratta infatti di un pericoloso sistema che colpisce le tipicità tradizionali, che hanno bisogno di sostegni per farsi conoscere sul mercato e che rischiano invece di essere condannate all’estinzione, mentre la ‘carne Frankenstein’ ottenuta in laboratorio da cellule in vitro è oggetto di forti investimenti. Dietro il business della carne in provetta si nascondono rilevanti interessi economici ,volti a sconvolgere il sistema agroalimentare mondiale e a minare le basi della dieta mediterranea e di una sana alimentazione che l’Unione Europea a parole difende. Il governo nazionale appena insediatosi, ha giustamente introdotto il concetto di sovranità alimentare, che va difeso e valorizzato nella sua essenza, rigettando con forza l’autorizzazione all’immissione in commercio dei prodotti sintetici.La sovranità alimentare è un indirizzo politico ma anche economico, volto a tutelare il diritto di definire le proprie strategie sostenibili di produzione, distribuzione e consumo di cibo, basandole sulla piccola e media produzione, che caratterizza in modo precipuo la nostra regione. Concordo e sostengo, quindi, le ragioni di questa petizione contro il cibo sintetico, sottoscrivendola e augurandomi che la difesa del settore agroalimentare continui ad essere sempre un baluardo per tutti gli attori istituzionali nazionali e locali”. 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*