Cartelle canoni irrigui CdB: Stasi (Cia), intervenga la Giunta Regionale

Condividi subito la notizia

Dopo l’arrivo di cartelle di pagamento relativo ai canoni delle annate 2020-2021-2022 da parte del consorzio di bonifica, quasi in contemporanea, la nostra sollecitazione è rivota alla Giunta Regionale perché, così come si era impegnata a fare nei mesi scorsi, intervenga con  contributi economici adeguati nei confronti del consorzio, per sostenere l’aumento dei costi energetici e ordinari che l’Ente consortile sta sostenendo. E’ il commento di Giuseppe Stasi, presidente Cia-Agricoltori Matera spiegando che l’invio delle cartelle è dovuto alla sospensione delle notificazioni da parte di Agenzia Entrate Riscossione.

La sospensione  – aggiunge – è dovuta al periodo pandemico per cercare di non appesantire le imprese agricole in un momento già devastante per le stesse. Ora la responsabilità non è da addebitare al consorzio di bonifica, perché ha la necessità di incassare quelle somme per la propria sopravvivenza e per continuare a garantire un servizio adeguato alle imprese agricole. Piuttosto – dice Stasi – si sperava in un intervento più incisivo da parte del Governo per alleggerire le cartelle e non solo congelarle per poi farle recapitare in contemporanea alle imprese, con l’impossibilità, anche se rateizzabili, di non riuscire a far fronte alle stesse. Il caro-energia ha ormai raggiunto livelli insopportabili -ricorda – con migliaia di aziende che rischiano di chiudere perché non sono più in grado di sostenere nuovi aumenti anche dei costi di materie prime indispensabili. E se all’energia si aggiunge l’acqua la situazione per gli imprenditori agricoli diventa sempre più ingestibile.

Si deve in ogni caso evitare l’aumento dei canoni consortili alle aziende agricole. Dove ciò non dovesse avvenire, considerando la concentrazione delle cartelle e il periodo difficile per le imprese agricole, il costo dell’acqua per gli agricoltori sarebbe insostenibile economicamente. E in una regione ricca di risorsa idrica come la nostra e dove l’economia agricola e prevalente sarebbe davvero una beffa.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*