Caro Energia: stamani l’incontro delle Associazioni con la Camera di commercio

Condividi subito la notizia

Il Commissario Straordinario Chiarelli: “Grido d’allarme ineludibile. Subito a lavoro per studiare misure di intervento camerali, ma necessari azione di raccordo istituzionale e pressing sul Governo”.

Questa mattina il Commissario Straordinario della Camera di commercio di Taranto, on. Gianfranco Chiarelli, insieme al Segretario generale dell’Ente, dr.ssa Claudia Sanesi, ha ricevuto le Associazioni provinciali Confartigianato, Confagricoltura, Confapi, Confesercenti, CIA, Claai, Copagri, Upalap, Casaimpresa e Unsic che gli hanno consegnato un documento congiunto di analisi e richieste per fronteggiare la gravissima crisi energetica ed inflattiva in atto.

«Ricevo questo drammatico appello da parte del nostro tessuto imprenditoriale e lo accolgo con preoccupazione e responsabilità – ha detto Chiarelli. Nel corso dell’anno abbiamo fatto diversi e importanti interventi a favore delle imprese, ma certamente non possiamo restare indifferenti quando una così ampia rappresentanza ci chiede di valutare ed attuare ulteriori misure specificamente indirizzate ad alleggerire nell’immediato il peso insostenibile dell’incremento dei costi energetici a carico delle aziende. Lo faremo, entro le disponibilità di bilancio, convinti che anche le altre Pubbliche Amministrazioni locali si avvieranno su questa strada. Certo, si tratta di un intervento non risolutivo, ma è un segnale che va dato».

«Il tema è ovviamente all’attenzione del Sistema camerale nazionale e credo che a breve si aprirà il dialogo con il Governo che sta per insediarsi in modo da affrontare la crisi con strumenti di ben superiore rilievo. Confidiamo anche nel prezioso impegno già assunto da S.E. il Prefetto di Taranto di farsi portavoce ai vari livelli, nonché di convocare un tavolo tecnico congiunto per le azioni di valenza emergenziale e per lo studio di quelle di lungo periodo. Questo sarà necessario per coinvolgere tutti gli stakeholder e, soprattutto, per assicurare il giusto pressing nazionale. Il grido d’allarme delle nostre imprese – ha concluso Chiarelli – non resterà inascoltato».

Taranto, 21 ottobre 2022 

Camera di commercio di Taranto                                   

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*