LA PANDEMIA PRESA CON IRONIA Nel “Diario semiserio” dello scrittore Antonio Grasso 

Condividi subito la notizia

La pandemia da Sars-Cov 2 presa con ironia. Non il classico racconto o il solito romanzo di genere. Ma una “variante” narrativa. Più precisamente, un “Diario semiserio” a firma del giornalista e scrittore Antonio Grasso. Fatti ed esperienze vissute, dal lockdown in poi, rivisitati dall’autore attraverso un’esilarante raccolta di battute e aforismi. Sotto la lente d’ingrandimento di Grasso tutte le più bizzarre trovate e i più stravaganti tic, i ritardi e le inadempienze dell’emergenza sanitaria, gli sprechi e le speculazioni, le schizofrenie legislative, le fake news e le “mezze verità” della malagestio pandemica. Un libro da leggere “fra le righe”. Fra una metafora e l’altra, sul filo immaginifico dei doppi sensi e del gioco creativo di parole. Attingendo dalla banca dell’umorismo a piccole dosi, l’autore fotografa le oggettive incongruenze e le molteplici anomalie di una tragedia. Epocale. Lo fa col coraggio di chi sa di poter apparire cinico ed irriguardoso. Ben sorretto, però, dalla consapevolezza che il pianto e la rabbia possono solo moltiplicare i timori, le ansie e le preoccupazioni. Al contrario dell’ironia. Che, usata con delicatezza interiore, diventa un antidoto al dolore e alla sofferenza collettiva. Il testo sarà presentato, alla presenza dell’autore, nella Biblioteca comunale di Policoro. L’appuntamento è per sabato 22 ottobre, dalle ore 18. 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*