Il presidente Bardi assuma come priorità il rilancio e il potenziamento della sanità pubblica in Basilicata, bisogna potenziare il sistema partendo dai distretti sanitari”

Condividi subito la notizia

“La sanità lucana non solo versa in uno stato comatoso, ma per effetto dell’assenza di visione e di programmazione la si sta desertificando: carenza di medici, depotenziamento dei servizi territoriali, reparti chiusi, assistenza negata. Conseguenza di tutto questo è l’abbassamento dei livelli qualitativi assistenziali, che stanno letteralmente minando alle basi il diritto alla salute dei cittadini lucani”. Lo afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Angelo Summa.

“Non è più tollerabile – continua – assistere a questo decadimento della sanità, che costringe i lucani a ricorrere a strutture di fuori regione per potersi curare, con tutto ciò che ne consegue; senza considerare che la mobilità sanitaria passiva ha assunto dimensioni allarmanti, superando la soglia dei 50 milioni di euro. Di fronte a questa evidente incapacità politica, che mette a rischio la garanzia del diritto alla salute, dei servizi e delle prestazioni sociali – denuncia il segretario della Cgil lucana – è giunto il momento che il presidente della Regione, Vito Bardi, assuma come priorità il rilancio e il potenziamento della sanità pubblica in Basilicata, a partire dal rafforzamento dei distretti sanitari che rappresentano l’ossatura per costruire la sanità di prossimità così come previsto dalla missione 6 del Pnrr.

La pandemia  – conclude Summa – ha ricordato a tutti il valore fondamentale del sistema sanitario pubblico e i distretti sono il luogo in cui trova attuazione l’integrazione socio-sanitaria, con la stretta sinergia tra ambiti territoriali sociali e azienda sanitaria chiamati ad agire sul medesimo territorio. Si ascolti il lavoro, si ascoltino i cittadini che da tempo denunciano lo stato di degrado della nostra sanità, come d’altro canto la manifestazione dello scorso 3 settembre a Matera ha evidenziato, con migliaia di persone scese in piazza a contestare lo stato di collasso in cui si trova il sistema sanitario regionale. Si intervenga subito, si apra il confronto per rilanciare e rafforzare la nostra sanità pubblica”. 

Potenza, 6 ottobre 2022

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*