Giornata internazionale aborto sicuro_In Basilicata 80% obiettori di coscienza

Condividi subito la notizia

Oggi è la Giornata internazionale per l’aborto sicuro, giornata che, ora più che mai, assume,un significato particolare. La ricorrenza fu celebrata per la prima volta in occasione della depenalizzazione dell’aborto in America Latina. Oggi, un po’ovunque nel mondo, le libertà fondamentali della donna sono continuamente messe in discussione, incluso il diritto a una maternità consapevole.

Moltissimi sono ancora i paesi in cui l’interruzione volontaria di gravidanza è considerata un crimine. Il recente annullamento della sentenza Roe vs. Wade, da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti, ha aperto un pericolosissimo varco anche nel mondo occidentale rispetto a questo diritto, la cui onda lunga, soprattutto in un momento in cui le destre estreme sembrano rialzare la testa, rischia di mettere concretamente a repentaglio le conquiste degli anni precedenti.

Già oggi, l’esercizio del diritto all’aborto sicuro e gratuito, è tutt’altro che semplice. In base ai dati ministeriali, in Basilicata oltre l’80% dei ginecologi delle strutture pubbliche dichiara l’obiezione di coscienza; ricordiamo il caso in cui alcune donne di Matera si sono dovute recare a Potenza per praticare l’IVG  e i dati ci dicono che ben 1 su 4 delle interruzioni di gravidanza viene praticata fuori regione per le residenti in Lucania.

Occorre tenere alta la guardia e che tutte le donne lucane di partiti, associazioni, istituzioni, che credono nell’autodeterminazione e nella genitorialità scelta e consapevole devono unirsi in una grande iniziativa comune, come già fatto su altri temi, per garantire l’accesso all’IVG come sancito dalla Legge 194 e per assicurare la trasparenza dei dati su IVG e funzionamento dei consultori. Ora più che mai.

Non rassicurano, infatti, le dichiarazioni della destra al governo sul tema, nonostante le dichiarazioni di “non voler modificare la legge 194”, che appaiono più rassicurazioni di facciata che altro. Esiste un tema, serissimo, che riguarda la possibilità concreta – per una donna – di accedere all’IVG senza essere sottoposta a disagi o, peggio, pressioni indebite o riprovazioni moralistiche di qualsivoglia tipo. E’fondamentale assicurare la presenza di medici non obiettori presso le strutture sanitarie, anche con assunzioni ad hoc, come fatto in altre regioni. Non bisogna mai arretrare sui diritti conquistati che non sono, purtroppo, garantiti per sempre. 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*