STATO DI AGITAZIONE LAVORATORI CTP: i Sindaci di Ginosa e Laterza sollecitano l’intervento del Prefetto per la convocazione del tavolo richiesto dalle sigle sindacali

Condividi subito la notizia

“I nostri territori sono uniti contro quella che appare come una ‘privatizzazione’ del trasporto pubblico locale da parte dell’attuale dirigenza del CTP”: così il Sindaco di Ginosa Vito Parisi e il Primo Cittadino di Laterza Franco Frigiola.

“Il nostro obiettivo – proseguono i Sindaci – è tutelare i lavoratori e garantire il servizio, motivo per cui non possiamo che condividere lo stato di agitazione proclamato dalle sigle sindacali da parte dei lavoratori del CTP che operano nel versante occidentale. 

Tra le criticità finora sollevate, vi sono la mancanza di corrette relazioni industriali, chiusura del deposito periferico di Laterza, sub affidamento delle linee, parco rotabile. 

È da giorni che l’attenzione è focalizzata sulla questione. Alla presenza della Consigliera Provinciale Anna Filippetti e dell’Assessore Regionale Gianfranco Lopane, abbiamo incontrato sindacati, lavoratori e azienda. In base a quanto emerso, i lavoratori che attualmente lavorano presso il deposito di Laterza sarebbero costretti a spostarsi verso nuova destinazione, con tutti i disagi che ne deriverebbero, anche in termini economici.

Inoltre, ci si interroga sulla legittimità del contratto stipulato per il sub affidamento delle linee alla ditta “Due Mari’’ e se esistano eventuali conflitti di ruoli tra i collaboratori della suddetta azienda e CTP.

Pertanto, è necessario che si solleciti l’intervento di ANAC (Autorità nazionale anticorruzione) e si verifichi quanto di competenza.

Prima di procedere con decisioni che vadano a discapito dei lavoratori, del territorio o del servizio di trasporto pubblico locale, è indispensabile che si faccia chiarezza. Nelle scorse ore abbiamo inviato una richiesta al Prefetto di Taranto per l’urgente convocazione di un tavolo e la partecipazione dei primi cittadini interessati’’.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*