DOMANI AL MERCATO COLDIRETTI A MATERA LA FESTA DELL’ECONOMIA CIRCOLARE

Condividi subito la notizia

Domani, al Mercato Coperto di Campagna Amica a Matera, dalle ore 10 alle ore 13, nuovo appuntamento con la “Festa dell’economia circolare”. L’iniziativa organizzata da Coldiretti, Campagna Amica ed Eni, ad ingresso libero, coinvolgerà i bambini di tutte le età con attività di informazione e sensibilizzazione sul riciclo, attività didattiche su come si fa il compostaggio, l’orto e la piantumazione, illustrandone usi e benefici. “Dopo il successo della prima tappa a maggio siamo contenti di ospitare nuovamente il Circular Tour, in un viaggio a tappe tra laboratori, contenuti multimediali e attività esperienziali- evidenzia Coldiretti Basilicata – per conoscere i principi dell’economia circolare e le nuove tecnologie che trasformano gli scarti organici in nuova energia. Un Tour che ci vede impegnati anche a Matera con le fattorie didattiche a raccontare e spiegare ai bambini il tema dell’economia circolare attraverso alcuni degli argomenti, come il riciclo e il non spreco, che Campagna Amica porta avanti da anni anche all’interno delle scuole con il progetto legato all’educazione alimentare che promuove stili di vita corretti”. Per l’occasione all’interno del mercato materano sono stati allestiti spazi didattici per grandi e piccini come postazioni di compostaggio o dove differenziare l’olio usato in cucina per evitare i rischi per l’ambiente connessi a le cattive pratiche che spesso vengono applicate in tema di rifiuti. Cos’è l’Economia circolare? È un modello di produzione e consumo che punta ad allungare il ciclo di vita dei prodotti riducendo al minimo i rifiuti, in ottica di riutilizzo. È condivisione, ricondizionamento e riciclo dei materiali. È un tipo di economia che favorisce la riconversione delle attività produttive verso un modello che mantenga il più a lungo possibile il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse e che riduce al minimo la produzione di rifiuti. Ed è proprio guardando al futuro che dobbiamo cambiare il nostro punto di vista e le nostre azioni per porre rimedio all’inquinamento ambientale.​

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*