Cosa lega lo scrittore materano non vedente Vito Coviello all’istituto scolastico Sacro Cuore di Matera

Condividi subito la notizia


Cosa lega Vito Antonio Ariadono Coviello, scrittore non vedente di Matera e intere generazioni di materani all’Istituto Sacro cuore della città dei Sassi: Suor Luciana, che ne è stata la valente direttrice e paziente guida spirituale, strumento del Sacro cuore di Gesù, nelle mani di nostro Signore. All’Istituto Sacro cuore di Matera lega anche la vita quì passata all’educazione cattolica ed all’istruzione scolastica di tante Suore tra le quali Suor Adalberta., oggi dopo tanti anni, ritornata nellistituto e collegio materano che l’aveva vista studentessa ed ora Suora del Sacro Cuore di Gesù. Suor Adalberta, avendo voluto nostro Signore che le vite e quelli che io chiamo i sentieri dell’anima, delle due suore, ha fatto un lungo tratto divita con suor Luciana, ne ha raccolto per volontà della stessa Suor Luciana, i quaderni e gli appunti, da poterci regalare oggi una biografia della vita ma soprattutto del grande cuore di Suor Luciana sempre presente anche dopo tanti anni nel mio cuore ancora pieno di affetto e riconoscenza per Lei. Ero bamdino di sette anni ed alunno di Suor Luciana che in quell’anno mi capito di essere bloccato al letto per due mesi per una operazione che mi aveva salvata una gamba dal’amputazione che Suor Luciana, per non farmi perdere l’anno scolastico, venne tutte le mattine nella mia casa in piazza san Giovanni a farmi lezione.ringrazio ancora Suor Luciana, per tutto quello che ha fatto per me, e ringrazio Suor Adalberta, per aver condiviso i ricordi, il grande cuore di Suor Luciana, con tutti noi, scrivendone questa bellissima biografia. Grazie di vero cuore Suor Adalberta. In fede Vi. Coviello 05 gennaio 2022

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*