Sabato 3 settembre – i libri di Antonio Verri, Carmelo Bene e Raffaele Carrieri per la Notte dei Poeti a San Cesario di Lecce

Condividi subito la notizia

A SAN CESARIO DI LECCE NUOVO APPUNTAMENTO CON LA NOTTE DEI POETI DI ASTRAGALI TEATRO DEDICATO AD ANTONIO VERRI, CARMELO BENE E RAFFAELE CARRIERI

Fino al 15 settembre proseguono gli appuntamenti del progetto “Teatri a Sud“, ideato e promosso dalla compagnia salentina Astràgali Teatro con il sostegno del Ministero della Cultura, in collaborazione con Regione PugliaUniversità del Salento e con le amministrazioni comunali di LecceCavallino e San Cesario di Lecce. Sabato 3 settembre alle 21 nella Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce secondo appuntamento Verso la notte dei poeti con la partecipazione di Dauna, Simone Franco, Roberto Gagliardi, Lucio Giannone, Simone Giorgino, Matteo Mele, Claudio Prima, Roberta Quarta, Simonetta Rotundo, Fabio Tolledi. Durante la serata saranno presentati, con letture e musiche, i volumi “La Betissa. Storia composita dell’uomo dei curli e di una grassa signora” (Kurumuny) del poeta, scrittore e agitarore culturale salentino Antonio Verri, scomparso prematuramente nel 1993; “Dentro ‘l mal de’ fiori. Il poema impossibile di Carmelo Bene” di Alessio Paiano (Kurumuny), prima lettura critica integrale e totalmente inedita dell’ultimo lavoro del grande attore, regista e drammaturgo che proprio in questi giorni avrebbe compiuto 85 anni; “Fame a Montparnasse” del tarantino Raffaele Carrieri (Musicaos), uno dei protagonisti della vita letteraria e artistica italiana del Novecento.

La Betissa
, pubblicata per la prima volta nel 1987, è una disperata favola a tinte fosche, un allucinato viaggio nell’inconscio e nel linguaggio che rappresenta una svolta decisiva nella ricerca espressiva di Antonio Verri, ora concentrata a indagare ossessivamente le relazioni che intercorrono fra le parole e le cose, fra il mondo e il libro che tenta di ricrearlo, in uno sforzo costante di trascrizione di quella varietà cosmica e disarmonica in un’opera chiusa, conclusiva e allo stesso tempo sempre in progress, aperta, sfuggente. Nella Betissa il riferimento al teatro non deve fare pensare a una dimensione realistica, dove trama e personaggi alimentano un piano narrativo naturalistico. Semmai la spinta surreale e iper-reale trova linfa proprio nella moltiplicazione dei piani che muove dal meccanismo teatrale. Lì, nell’ambiguità dello spazio della rappresentazione il contrasto tra vita e finzione, tra desiderio e tremore, tra sogno e carne concreta trova la propria molteplice collocazione. Vita e illusione, erranza e différance della vita, nella vita, nella scrittura-corpo, nel corpo a corpo che la scrittura di Verri ingaggia con l’esistere.

La prima lettura critica integrale, totalmente inedita, de ‘l mal de’ fiori (2000). L’ultimo lavoro di Carmelo Bene è un poema sotto ogni aspetto “eccessivo”, nel linguaggio, nel contenuto e persino nel layout editoriale, in cui prende corpo la formula “lorenzaccia” del «rovinare le rovine»: è la sfida impossibile di ‘scrivere la voce’, restituendo una sconcertante polifonia che chiama a raccolta tutte le ossessioni della sua ricerca (Shakespeare, Pinocchio, l’Adelchi, Dante, Leopardi, ecc.). Per comprendere l’operazione bisognerà rovesciare un assunto dello stesso Bene: come da attore non ha mai smesso di essere poeta, così da poeta non smetterà i panni dell’attore.
Nato a Taranto nel 1905, Raffaele Carrieri dopo una giovinezza avventurosa in giro per mezza Europa e il Mediterraneo, nel 1930 si trasferì a Milano dove svolse un’intensa attività come poeta, narratore e critico d’arte. Dopo la morte però, avvenuta  a Lombrici di Camaiore nel 1984, il suo nome è stato un po’ dimenticato  e la multiforme opera di Carrieri non ha ricevuto l’attenzione che merita da parte della critica. Un segno di rinnovato interesse nei suoi confronti è rappresentato dalla recente ristampa di uno dei suoi primi libri, Fame a Montparnasse, apparso per la prima volta a Milano presso la Casa editrice Bietti nel 1932, cioè esattamente novant’anni fa. Il volume, a cura e con introduzione dello scrivente e con un profilo dello scrittore di Simone Giorgino, è un’opera a carattere autobiografico ispirata alla permanenza parigina dell’autore che si recò nella capitale francese in cerca di gloria e fortuna per la prima volta nel 1923 e poi nel ‘25, dove frequentò e conobbe direttamente molti dei grandi artisti, respirando l’atmosfera delle prime avanguardie novecentesche, ma anche tanti altri che aspiravano a diventare famosi, spesso senza riuscirci.

Lunedì 5 settembre (ore 21 – ingresso libero) nel Museo Didattico Archeologico di Cavallino la compagnia calabrese Mana Chuma Teatro torna nel Salento con “Come un granello di sabbia” con Salvatore Arena, autore e regista con Massimo Barilla. A diciotto anni Giuseppe Gulotta viene costretto a confessare l’omicidio di due carabinieri in una piccola caserma di Alcamo. Il delitto nasconde un mistero indicibile: uomini dello Stato che trattano con gruppi neofascisti, traffici di armi e droga. Per far calare il silenzio serve un capro espiatorio, uno qualsiasi. Attraverso la sua vicenda umana (e di Salvatore e Carmine – le due vittime della strage – o di Giovanni, Vincenzo, Gaetano – gli altri capri espiatori designati) lo spettacolo prova a rendere giustizia a quelle vite interamente sottratte per ragioni inconfessabili. La voce di Giuseppe ci attira in questo vortice raccontando la gioventù interrotta, l’arresto, le torture, la lunga carcerazione, ma anche l’irriducibile cocciuta speranza in un restituzione finale della propria umile e alta identità. Lo spettacolo è l’ultimo capitolo della quadrilogia “A Sud della memoria” che Mana Chuma ha dedicato alla storia contemporanea del Mezzogiorno.

Mercoledì 7 settembre  (ore 21 – ingresso libero) l’atrio del Palazzo Ducale di San Cesario di Lecce accoglierà una nuova replica di Fimmene! con Anna Cinzia Villani, Fabio Tolledi, Simonetta Rotundo e Roberta Quarta. Da giovedì 8 a domenica 11 settembre nella Distilleria de Giorgi di San Cesario di Lecce in programma la seconda edizione della Summer school di filosofia a cura della rivista “Kaiak. A philosophical journey” e di Astràgali Teatro, con il patrocinio dell’Università del Salento e della Società Filosofica Italiana (iscrizioni entro il 31 luglio – info rivistakaiak@libero.it). Martedì 13 settembre (ore 21 – ingresso libero) nell’atrio del Palazzo Ducale di San Cesario di Lecce appuntamento con “Il cantico dei cantici per lingua madre”, spettacolo di Astràgali Teatro scritto e diretto da Fabio Tolledi. In scena le attrici della compagnia salentina, RobertaQuarta e Simonetta Rotundo, sono accompagnate dalle musiche eseguite dall’Ensemble Montesardo, coordinato dal Maestro Luca Tarantino (tiorba) e composto dal soprano Ludovica Casilli, dal mezzosoprano KairiKosk e da Livio Grasso (tiorba). Giovedì 15 settembre (ore 21 – ingresso liberoTeatri a Sud si concluderà nel Chiostro dei Teatini a Lecce, all’interno di Lecceinscena, cartellone estivo del Comune di Lecce, con la nona edizione della Notte dei poeti, uno spazio per dare voce a molteplici esperienze di scritture poetiche e cogliere la complessità della ricerca che si è sviluppata negli ultimi decenni creando una possibilità di incontro tra chi scrive e chi va alla scoperta della scrittura attraverso la lettura e l’ascolto.

La compagnia Astràgali Teatro nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, formare attori e dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche. Riconosciuta dal 1985 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d’innovazione, dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco ed è membro dell’Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Ha realizzato progetti artistici, spettacoli, attività in circa 30 paesi in tutto il mondo. Nel corso di questi anni numerosi spettacoli hanno trovato casa in molti luoghi di grande interesse culturale in Italia e all’estero, anche in siti patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Info
3892105991 – teatro@astragali.org
www.astragali.it

  • Radio Laser - Dentro l mal de fiori. Il poema impossibile di Carmelo Bene - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - Antonio Verri 2 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - La Betissa Antonio Verri - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*