LATRONICO: IMPORTANTI INVESTIMENTI PER RIDURRE PERDITE IDRICHE IN BASILICATA

Condividi subito la notizia

Acquedotto Lucano ed Egrib nell’ambito degli investimenti volti alla riduzione delle perdite idriche sulle reti idropotabili, oltre all’aggiudicazione del bando PNRR sulla Missione 2 Componente C4, Investimento 4.2, hanno partecipato al Bando REACT EU con un progetto dal titolo “Riduzione delle perdite nelle reti di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti” a valere sui finanziamenti Pon Infrastrutture e reti linea di Azione IV 1.1. Il presidente della Regione Basilicata e l’assessore all’Ambiente, al Territorio ed all’Energia Cosimo Latronico hanno annunciato che “la proposta progettuale presentata nell’ambito del REAT EU è risultata ammessa a finanziamento per un importo rendicontabile pari a 55 milioni di euro, giusta presa d’atto con rideterminazione del MIMS del 28 luglio 2022 – Allegato 1”. Nei prossimi giorni si procederà alla sottoscrizione della presa d’atto. Sono stati considerati nella proposta progettuale i 18 Comuni lucani con i più alti valori di perdite idriche in rete e con elevate frequenze di rottura: Barile, Calvello, Corleto Perticara, Ferrandina, Grassano, Marsicovetere, Maschito, Matera, Melfi, Paterno, Pisticci, Pomarico, Potenza, Rionero in Vulture, Stigliano, Tito e Viggiano. La popolazione servita dal servizio acquedottistico nei comuni sopra indicati è di circa 230 mila abitanti. Il progetto propone un processo di ammodernamento della gestione del servizio idrico integrato idrico basato sulla digitalizzazione e l’applicazione delle “best practices” internazionali e conforme agli indirizzi adottati dall’Unione Europea, in coerenza con i principi e gli obiettivi della strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile e il Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici. E’ stato previsto un innovativo sistema integrato e digitale che affronta in modo olistico tutti gli aspetti e le modalità di contenimento delle perdite idriche prevedendo l’introduzione di tecnologie e sistemi di supporto decisionale per la ricerca, localizzazione e monitoraggio delle perdite idriche, la gestione della pressione, il monitoraggio dello stato delle condotte, la gestione delle misure e dei consumi di utenza, la modellazione matematica delle reti e l’asset management. Il progetto mira a superare i problemi connessi alla riduzione e controllo delle perdite e della pressione introducendo soluzioni intelligenti e innovative anche attraverso l’integrazione e l’interoperabilità delle soluzioni adottate a tutti i livelli (da quello tecnologico a quello aziendale) con i sistemi informativi già disponibili presso il gestore e con sistemi di comunicazione avanzata che consentano un pieno utilizzo dei dati per l’analisi delle performance, un migliore monitoraggio e una efficace gestione di asset management. Nel progetto presentato la gestione della pressione rappresenta una attività fondamentale. Le modalità di progettazione, realizzazione e monitoraggio delle zone di pressione e dei distretti sono definite per rispettare le condizioni di pressione anche alle utenze più sfavorite, grazie a modalità innovative di regolazione e di controllo. In coerenza con le finalità del bando a fine 2023, si prevede in questo modo di ottenere una riduzione superiore al 38% del volume di perdita.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*