CRISI AGRICOLTURA: COLDIRETTI BASILICATA “SBLOCCARE RISORSE REGIONALI E SOSTENERE ACCORDI DI FILIERA”

Condividi subito la notizia

“Sbloccare immediatamente le risorse destinate al settore agricolo dalla Regione Basilicata con la legge di bilancio 2022, avviare da subito la procedura per la declaratoria della siccità; sostenere accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione”. Sono alcune delle proposte lanciate dalla Coldiretti di Basilicata che oggi a Potenza, al Park Hotel, ha riunito oltre 300 agricoltori, con trattori al seguito, dirigenti provinciali e regionali, per un’assemblea popolare. L’obiettivo è stato quello di puntare l’attenzione delle istituzioni e chiedere un intervento immediato per via della grave crisi del settore cerealicolo, tra speculazioni e pratiche sleali. “I prezzi del grano duro italiano sono ormai in caduta libera – ha ricordato il presidente della Coldiretti lucana, Antonio Pessolani – una tendenza al ribasso che gli agricoltori non possono assolutamente permettersi dopo il rincaro stellare dei costi di produzione e la siccità che ha fatto crollare la produzione”. Ma non solo. “Per produrre il grano è costato all’agricoltore oltre 1000 euro ad ettaro e al momento della raccolta , come d’incanto il prezzo del grano si è ribassato , senza considerare la scarsa produzione a causa della persistente siccità. Stesso discorso – ha aggiunto il direttore regionale della Coldiretti lucana, Aldo Mattia – per quanto riguarda la produzione di latte vaccino: occorrono più di 0,59 centesimi al litro e anche qui il triplicare dei costi  energetici   , nonché dei prezzi delle materie prime , sta mettendo in ginocchio gli allevatori . C’è finalmente una legge europea, quella sulle pratiche sleali, che prevede l’obbligo del pagamento dei prodotti agricoli non al di sotto del costo di produzione dello stesso . Pertanto noi chiediamo agli uffici preposti (Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari​ ) un immediato avvio di controllo a tappeto al fine di rispettare la legge , come si fa in qualsiasi civile Paese”. Per questo l’organizzazione agricola lucana chiede “ di rendere immediatamente operativa la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali; confermare anche per il periodo successivo al 31 marzo 2022 il credito d’imposta per il gasolio agricolo – conclude Pessolani – e contrastare seriamente l’invasione della fauna selvatica che sta costringendo in molte zone interne all’abbandono dei terreni”. Ma dall’organizzazione agricola lucana è arrivato anche un appello alla Regione Basilicata a “fare la propria parte”. “A fronte di questo scenario giacciono colpevolmente i sostegni di 9 milioni di euro deliberati due mesi orsono dalla Regione Basilicata al fine di dare ristoro alla crisi agricola. Nove milioni fermi nel cassetto dell’assessore al ramo – ha ricordato Mattia – scevro di comprendere tale situazione, che invece di scaricare a terra il tutto, continua a promettere contributi a destra e a manca. Pertanto oggi parte una prima azione che fungerà da apripista per i prossimi mesi di lavoro”.

Potenza 29 luglio 2022

  • Radio Laser - WhatsApp Image 2022 07 29 at 10.10.38 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - WhatsApp Image 2022 07 29 at 10.10.39 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - WhatsApp Image 2022 07 29 at 10.10.391 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - WhatsApp Image 2022 07 29 at 10.27.05 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - WhatsApp Image 2022 07 29 at 10.27.061 - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*