Unione dei Comuni del Lagonegrese;  un errore identificarla come una realtà tipicamente montana.

Condividi subito la notizia

E’ la Valle del Fiume Noce a dare la vera identità alle Comunità del Lagonegrese, non aver lavorato per un’ unione di intenti di tutti i Popoli Valnocini è ancora una volta un errore pericoloso”. 

Se Maratea rimane fuori dal processo di programmazione territoriale di area vasta, la credibilità dell’unione dei Comuni del Lagonegrese rimane scarsa.     .

Anche se il Comune di Maratea, come la maggior parte dei Comuni, aveva votato in Consiglio Comunale lo scioglimento dell’organo istituzionale, la procedura non si è mai conclusa, quindi, in modo intelligente, i Sindaci si sono ricreduti ed adoperati per il ripristino delle funzionalità dell’Unione.

Il fatto che i consiglieri Marateoti pro tempore siano contrari,  non giustifica che i rappresentanti popolari istituzionalmente più illuminati  non mettano in campo tutte le azioni necessarie per non estromettere una Comunità così importante dagli assetti programmatici di Area.

Il Fiume Noce è il filo conduttore di questa gloriosa storia, i Comuni di sorgente, di foce e di valle, nulla potranno programmare correttamente, senza il rispetto degli equilibri naturali che sono lo specchio della questione sociale culturale ed economica dei Popoli Valnocini.

Che il Presidente dell’ Unione dei Comuni del Lagonegrese Gianni Pittella, convochi un confronto con le parti sociali, imprenditoriali e associative della Valle del Noce tutta.

Che si provi ad andare oltre alle intese istituzionali dei singoli Comuni, così da assicurare al processo una vera condivisione programmatica progettuale di tutte le Comunità, scongiurando un nuovo fallimento dell’operazione Politica.        

CHIAPPETTA  MANUEL  Europa Verde Basilicata  

       

 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*