TAVOLO VERDE PUGLIA E BASILICATA  ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DA “ LIBERI AGRICOLTORI “ PER IL 28 E 29 LUGLIO CHE SI TERRA’ PRESSO LA CONTRADA VENUSIO SS 99 MATERA

Condividi subito la notizia

TAVOLO VERDE PUGLIA E BASILICATA AL CONTEMPO ESPRIME PROFONDA PREOCCUPAZIONE PER LO STATO IN CUI VERSA IL MONDO AGRICOLO IN GENERALE E SPECIFICATAMENTE IL COMPARTO CEREALICOLO.

INSISTENTEMENTE SI PARLA DI UN PREOCCUPANTE TAGLIO DEI PREZZI DEL GRANO DURO CHE ALL’INIZIO DELLA CAMPAGNA SI ERANO ATTESTATI INTORNO AI 60 € / QUINTALE ; PREZZI CHE A STENTO COPRIVANO I COSTI DI PRODUZIONE SOSTENUTI DAI CEREALICOLTORI OPERANTI NELLA BASSA COLLINA MATERANA E NELLE ZONE NON IRRIGUE.

NEGLI ULTIMI GIORNI ANCHE A CAUSA DI UNA CAMPAGNA PROPAGANTISTICA BEN FORAGGIATA DAI POTERI FORTI E DA COLORO I QUALI DETENGONO IL MONOPOLIO DELLA MATERIA PRIMA STIAMO ASSISTENDO AD UN’OPERA DI SCIACALLAGGIO E MISTIFICATORIA PER INDURRE I PRODUTTORI AD APPAGARSI ANCHE DI PREZZI INFERIORI 

AI 50 € / QUINTALE.

TAVOLO VERDE PUGLIA E BASILICATA RITIENE CHE TALI TENTATIVI DEBBANO ESSERE MESSI AL BANDO IN TEMPI STRETTI ATTRAVERSO UN INTERVENTO FORMALE ED UFFICIALE CONCORDATO TRA I DUE MINISTERI COMPETENTI ( MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI ) FINALIZZATO A STABILIRE UN PREZZO MINIMO NON AL DI SOTTO DEI 60 € / QUINTALE  ; AL CONTEMPO LE ISTITUZIONI PREPOSTE DISPONGANO SU L’INTERO TERRITORIO NAZIONALE CON L’INTERVENTO DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI UNA FITTA RETE DI CONTROLLO, DI INFORMAZIONE E TRACCIABILITA’ PER GARANTIRE PREZZI EQUI E TRASPARENTI NELLA MOVIMENTAZIONE DELLA MERCE.

TAVOLO VERDE RITIENE CHE IN QUESTA PARTICOLARE FASE TALI MISURE SIANO INDISPENSABILI PER EVITARE ATTI SPECULATIVI E PER GARANTIRE PREZZI STABILI DEI BENI ALIMENTARI AL CONSUMATORE, NONCHE’ OFFRIRE CERTEZZE AI PRODUTTORI AGRICOLI ANCHE NELLA FASE DI PROGRAMMAZIONE PER LA  PROSSIMA CAMPAGNA CEREALICOLA.

IL MONDO AGRICOLO NEL SUO INSIEME RITIENE CHE PRODURRE  HA SENSO SE VI E’ CONVENIENZA ECONOMICA E CHE I BENI DI PRIMA NECESSITA’ COME IL GRANO NON DEBBANO ESSERE NE’ MERCE DI SCAMBIO DEI POTERI FORTI NE’ AFFIDATA AL GIOCO DEL LIBERO MERCATO COSI’ COME STA AVVENENDO. 

I BENI DI PRIMA NECESSITA’ DESTINATI ALL’INTERA UMANITA’ DEVONO ESSERE RICONOSCIUTI COME BENI “ COMUNI “ E AI PRODUTTORI DI QUESTI IL GIUSTO COMPENSO E IL GIUSTO RICONOSCIMENTO ANCHE DI NATURA ETICO-MORALE.

IN QUESTO SENSO LA MANIFESTAZIONE DEL 28 E 29 LUGLIO ASSUME UN ALTO VALORE ETICO E UN ESEMPIO DA SEGUIRE DA PARTE DI TUTTE QUEI SOGGETTI CHE PRODUCONO PER SE E PER GLI ALTRI.

E’ UNA LOTTA E UN PATRIMONIO DA DIFENDERE E SALVAGUARDARE IN QUALSIASI LUOGO E IN QUALSIASI MOMENTO.

25 LUGLIO 2022                                            PER TAVOLO VERDE PUGLIA E BASILICATA                      

                                                                             PROF.   FRANCESCO MALVASI

Condividi subito la notizia

1 Trackback / Pingback

  1. Agricoltori in rivolta: assemblea in Sicilia a Santa Caterina Villermosa e manifestazione di agricoltori pugliesi e lucani – I Nuovi Vespri

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*