Cestari (Camera ItalAfrica): presto missione in Africa a sostegno attività rinnovabili e sui crediti di carbonio

Condividi subito la notizia

“Dopo l’accordo per più gas dall’ Algeria all’Italia si è rinnovata l’attenzione verso i Paesi dell’ Africa fornitori di energia e del loro contributo per il futuro della transizione energetica. Noi che siamo da sempre impegnati su questo fronte stiamo preparando una missione in Africa per un mese intero a sostegno di tutte le attività principalmente sulle rinnovabili e i crediti di carbonio. Siamo convinti che qui si possono realizzare, senza grandi vincoli, grandi impianti che risolverebbero i fabbisogni locali e potrebbero contribuire anche ai fabbisogni europei”. Ad annunciarlo è l’ing. Alfredo Carmine Cestari, presidente della Camera di Commercio ItalAfrica e del Gruppo Cestari, insignito di recente del “Maratea Green Awards”, a riconoscimento dell’impegno che svolge a favore dello sviluppo sostenibile nei Paesi Africani.

 “La Camera di Commercio ItalAfrica Centrale – aggiunge – è impegnata nel progetto “Sinergie per lo sviluppo” diretto al continente africano con il duplice obiettivo di fare fronte alla crisi migratoria e di offrire nuove opportunità di investimento alle imprese italiane ed europee ancora reduci dalla crisi con il supporto delle istituzioni comunitarie e nazionali. Il progetto, tra l’altro, intende contribuire a risolvere problemi economici e sociali tramite l’azione diretta del settore privato, in sinergia con le prerogative dell’Unione Europea nel campo delle energie rinnovabili. Stiamo lavorando in particolare sui progetti relativi ai carbon credit  del rinnovabile e per coinvolgere imprese Italiane nel progetto sostenibilità. Tra gli esempi più significativi – continua Cestari – la nostra attività in Angola, in fase di incremento sulla base di nuove intese, nella progettazione e la realizzazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili-

Paradossalmente però, l’Africa è stata finora lasciata fuori dalla transizione energetica: secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (Iea), solo il 2% degli investimenti mondiali per le rinnovabili negli ultimi due decenni sono stati fatti nel continente africano, dove il tasso di elettrificazione è sotto il 50% e dove vivono più di 900 milioni di persone ancora prive di accesso a combustibili, tecnologie e acqua pulita per cucinare- Il Continente sta adottando soluzioni per le energie rinnovabili su larga scala, necessarie a garantire a tutti un accesso all’elettricità affidabile, conveniente e sostenibile. I motivi sono diversi e tutti strettamente connessi: l’Africa, sebbene sia responsabile di una piccola quantità di emissioni di carbonio e consumi (solo il 4% dell’energia a livello globale), è oggi l’area del mondo più vulnerabile ai cambiamenti climatici e il continente dove la popolazione crescerà di più.

Per Cestari, inoltre, l’economia italiana, orientata verso l’esportazione “necessita di nuovi lucrativi mercati e l’Africa ha una crescente domanda di beni e servizi di qualità, che le nostre imprese possono offrire. In particolare le energie rinnovabili possono contribuire in maniera rilevante allo sviluppo delle aree remote e spesso non connesse alla rete elettrica. Impianti cosiddetti off-grid solari, eolici, mini-hydro e a biomassa possono fornire energia elettrica ai piccoli villaggi senza dover implementare grandi e costosi progetti infrastrutturali. Un maggiore accesso all’energia e all’elettricità ha ricadute positive in tutti i settori, dall’educazione, alla sanità all’agricoltura”.

  • Radio Laser - cestari missione in angola 2 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - cestari 1 - news matera potenza puglia basilicata
  • Radio Laser - cestari missione in angola - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*