Stato di agitazione Gaudianello/Toka di Melfi

Condividi subito la notizia

Radio Laser - gwKMoRpNjue zh0zWuOt4lGtHeb8xRx78c QxkaW1bAb3MOwYSg3zrB8euetvg5BORa gz7w4c0amIY4hJg7QSwzj7nFlvkKMamJ2zYXKlRCPKMN7s6Tq euhQh7LAFG nHqN9AfEjjzov i - news matera potenza puglia basilicata

I lavoratori degli stabilimenti Gaudianello/Toka di Melfi hanno dichiarato lo stato di agitazione in virtù del mancato rispetto del contratto collettivo nazionale da parte dell’azienda.  Diverse, infatti, le spettanze avanzate così come l’elemento di garanzia retributiva per 3 anni. In alcuni casi si registrano irregolarità nella maturazione delle ferie e il mancato recepimento della tredicesima e quattordicesima mensilità. 

I lavoratori, in generale, lamentano la riduzione di salario e le pessime condizioni di lavoro, dalle scarse pulizie alla manutenzione e alla sicurezza, fino alle strumentazioni inadeguate. Tra le richieste, il reinserimento della figura del carrellista magazziniere e il rispetto degli orari così come stabilito dal contratto, opponendosi alla richiesta dell’azienda di allungare l’orario di lavoro  sulla linea vetro dalle 10 alle 12 ore durante i mesi estivi e di introdurre anche il sabato nella settimana lavorativa. 

I lavoratori si dicono preoccupati anche per la decisione dell’azienda di non volere assumere stagionali, determinando uno stop delle linee per mancanza di personale.

I lavorati chiedono dignità e rispetto e confermano lo stato di agitazione e quindi il blocco degli straordinari e di ogni forma di flessibilità e si preservano di scioperare qualora non arrivino risposte immediate. 

RSU

Enrico Sassone – Flai Cgil 

Diego Dipadova – Fai Cisl

Massimiliano D’Errico e Michele Falaguerra – Uila Uil 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*