Aumentano le percentuali di differenziata a Taranto

Condividi subito la notizia

L’osservatorio regionale dei rifiuti Puglia ha aggiornato sul proprio sito web le percentuali di raccolta differenziata. Sono stati pubblicati i numeri che riguardano i primi mesi del 2022 a Taranto, dati che fino a questo momento erano fermi allo scorso anno e che sono stati oggetto di commenti su più fronti nell’ultimo periodo.Queste le percentuali: Taranto, nel 2022, ha raggiunto la media del 27,07% considerando i primi quattro mesi dell’anno. Ricordiamo che si partiva dal 24,93% del 2021. Si registra pertanto un salto in avanti notevole. Scorrendo i vari mesi, da notare il picco di febbraio che si attesta al 28,99%.I numeri sono destinati a migliorare e a crescere ulteriormente, considerando che solo la metà della città di Taranto è coperta dal servizio di raccolta differenziata. E questo punto, di fatto, tende ad abbassare la percentuale di differenziata. Pertanto, l’aumento registrato riveste un aspetto di particolare importanza. Una volta che tutta la città sarà servita, i dati potranno essere ulteriormente migliorati.«Siamo cautamente soddisfatti ma non ci basta» commenta il presidente di Kyma Ambiente Giampiero Mancarelli. «Puntiamo ad aumentare ancora il servizio e le percentuali, ma non dimentichiamo che siamo reduci da oltre 6 mesi di stallo a causa della caduta anticipata del Consiglio comunale di Taranto. Avevamo pronto un piano con rettifiche e modifiche in merito alla raccolta differenziata ma, in assenza del Consiglio, Kyma Ambiente è stata costretta a fermarsi». Il presidente conclude specificando che «la nostra è una società in house del Comune, è il suo braccio operativo e procede solo nelle more di quanto disposto dal Consiglio comunale. Sicuramente una volta che verrà nuovamente insediato, apporteremo tutte le modifiche al sistema di raccolta differenziata che abbiamo già progettato».

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*