E’ scomparso oggi a Matera Monsignor Michele Scandiffio Vescovo emerito di Acerenza

Condividi subito la notizia

Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Vescovo della Diocesi di Matera-Irsina,  annuncia il ritorno alla casa del Padre di Mons. Michele Scandiffio, vescovo emerito di Acerenza. Nato a Pomarico (MT), arcidiocesi di Matera – Irsina, il 29 settembre 1928; ordinato presbitero l’8 luglio 1951; eletto alla sede arcivescovile di Acerenza il 30 aprile 1988; ordinato vescovo il 9 luglio 1988; divenuto emerito il 27 luglio 2005. La salma sarà esposta nei locali della Parrocchia di S. Giacomo a Matera a partire dalle ore 16 di oggi. Le esequie saranno celebrate domani 7 giugno alle ore 15.30 nella Basilica Cattedrale di Matera e saranno officiate da Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo insieme ai Vescovi della Basilicata.

“Vi darò pastori secondo il mio cuore” (Gr 3,15) 

L’Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, unito all’Arcivescovo di Acerenza e all’intero Presbiterio dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina e di quello di Acerenza, annuncia a tutti i fedeli che lunedì mattina 6 giugno, festa di Maria Madre della Chiesa, è nato alla Vita Eterna

E. MONS. MICHELE SCANDIFFIO Arcivescovo emerito di Acerenza

Siamo grati al Signore per aver donato alla sua Chiesa un Pastore zelante e buono, costantemente impegnato ad annunciare, a celebrare e a vivere il Vangelo di Gesù. Uomo silenzioso, impregnato di preghiera, sempre attento alle necessità e ai bisogni di tutti, aveva particolarmente a cuore le vocazioni e la vita sacerdotale e religiosa

La salma sarà esposta nei locali della Parrocchia di S. Giacomo, non lontano da casa sua, a partire dalle ore 16. 

Le esequie saranno celebrate domani 7 giugno alle ore 15.30 nella Basilica Cattedrale di Matera e saranno officiate da Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo insieme ai Vescovi della Basilicata.

La salma verrà tumulata nel cimitero di Pomarico, suo paese natio.

Per espressa sua volontà si invita a non portare fiori ma opere di carità.

Matera, 6 giugno 2022

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*