Il Rotary Senise-Sinnia tra i club protagonisti, a Ginosa, dell’evento “Un service locale per un impatto globale”

Condividi subito la notizia

L’iniziativa è del Rotary Club Ginosa Laterza in interclub con Taranto,
Martina Franca, Taranto Magna Grecia e Senise Sinnia, insieme a Rise
Against Hunger Italia

Si terrà domani  28 maggio, presso il palazzetto dello sport di Ginosa
(Ta) l’evento “Un service locale per un impatto globale”, la
manifestazione promossa e organizzata dal Rotary Club Ginosa-Laterza in
collaborazione con la onlus internazionale impegnata nella lotta alla
fame Rise Against Hunger Italia. Una giornata di solidarietà che vedrà
impegnati centinaia di ragazzi e volontari, al fine di confezionare
pasti da destinare alle popolazioni africane che necessitano di un
intervento umanitario. L’evento, aperto al pubblico, è patrocinato dalla
Città di Ginosa e dal Comune di Laterza. Un evento

Sono 20 mila i pasti che consentiranno di soddisfare il fabbisogno di
migliaia di famiglie e bambini che grazie a questa donazione, verranno
sottratti alla strada e intraprenderanno una nuova vita fatta di salute,
istruzione ed emancipazione. Gli effetti della guerra in Ucraina hanno
già cominciato a farsi sentire in molti Paesi africani che da lì
importavano regolarmente cereali e altre materie prime. Come denunciato
dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e da numerose organizzazioni
internazionali, si parla già di “guerra mondiale della fame”.
Vincenzo Pavone, presidente del Rotary Club Ginosa-Laterza e promotore
dell’evento, spiega l’importanza di coinvolgere in particolare le nuove
generazioni: “Le scuole sono un interlocutore fondamentale per le
iniziative del Rotary che da sempre investe sui giovani. In quest’anno
rotariano ho avuto modo di coinvolgerle in svariati progetti, dalla
lotta allo spreco alimentare alla campagna ‘zero vittime sulla strada’
ed ogni volta abbiamo registrato una risposta compiuta e puntuale.
L’entusiasmo dei ragazzi con la loro sete di conoscenza, unita alla cura
e competenza con cui i loro docenti li seguono, hanno fatto sì che
ricevessimo molto più di quanto dato”.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*