ANCI. Bernardo: Audizione Consiliari Permanenti del 16.05.2022, Convocazione-Prot. 2849/C del 12.05.2022.

Condividi subito la notizia

AI SIGNORI PRESIDENTI

COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI I – II – III – IV CONSIGLIO REGIONALE BASILICATA

Oggetto: Audizione Consiliari Permanenti del 16.05.2022, Convocazione-Prot. 2849/C del 12.05.2022.

Con riferimento all’oggetto, in ordine alla convocazione del sottoscritto per essere audito sui documenti di programmazione regionale: DEFR 2022/2024, Disegno di Legge di stabilità regionale 2022, Bilancio di previsione finanziario 2022/2024, si formulano di seguito osservazioni e richieste relative a ciascun atto.

DEFR 2022/2024 – Considerato che lo stesso, nella parte che interessa gli Enti Locali, fa espresso richiamo al Piano Strategico Regionale, si rinvia alle osservazioni sul PSR già proposte in data 16 dicembre 2021 al Presidente Bardi e depositate in sede di successiva audizione, che si allegano alla presente ed alle quali si rinvia (All. 1).

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ REGIONALE 2022, si reputano del tutto insoddisfacenti le previsioni di stanziamento previste in alcune Missioni e Programmi, in particolare:

MISSIONE 6 – POLITICHE GIOVANILI;

MISSIONE 7 – TURISMO;

MISSIONE 9 PROGRAMMA 01 – DIFESA DEL SUOLO;

MISSIONE 10 PROGRAMMA 01 – PROTEZIONE CIVILE;

MISSIONE 18 PROGRAMMA 01 – AUTONOMIE LOCALI (con particolare riferimento alla Tabella A, ove è previsto uno stanziamento di solo 1milione di euro)!

BILANCIO DI PREVISIONE 2022/2024.

I Comuni rinnovano, con forza, la richiesta di un forte incremento delle risorse destinate al FUAL – Fondo Unico Autonomie Locali. Fondo istituito con la Legge Regionale n. 23 del 19.309.2018 e in questi anni finanziato con miseri 7 milioni di euro (Capitolo U63057 – Missione 18 – Programma 1) a fronte delle molteplici componenti di cui lo stesso risulta composto e delle sempre maggiori esigenze degli enti locali. Esigenze acuitesi dopo la pandemia ed a causa delle ripercussioni economiche dovute alla guerra in atto (si pensi all’aumento dei prezzi di tutti i beni e servizi, in particolare delle forniture energetiche, e all’incremento costante dell’inflazione, condizioni che rendono impossibile ai Comuni erogare servizi essenziali, nonché creano gravi ripercussioni economico-finanziarie, sino a minarne gli equilibri dei bilanci).

Ed invero, come prevede l’articolo 4 della L.R. 23/2018 e viene dettagliato dai successivi articoli di legge, il F.U.A.L. è costituito da:

  1. Fondo per i comuni al di sotto dei 3000 abitanti (finanziato per 2,2 milioni di euro);
  2. Fondo per i comuni al di sopra dei 3000 abitanti (non finanziato);
  3. Fondo per le Città Capoluogo di Provincia (non finanziato);
  4. Fondo per gli EE.LL. in stato di procedura di riequilibrio finanziario pluriennale (predissesto), ai sensi dell’art. 243-quater, comma 3, del T.U.E.L. (non finanziato);
  5. Fondo per gli EE.LL. in stato di dissesto finanziario, ai sensi dell’art. 244 del T.U.E.L. (non finanziato);
  6. Fondo per l’unione e la fusione dei comuni (non finanziato);
  7. Fondo rotativo per la progettazione a favore degli EE.LL. (finanziato con altri provvedimenti);
  8. Fondo per la valorizzazione e accordo di programma (non finanziato);
  9. Fondo per le Province (finanziato per 4,3 milioni di euro);
  10. Fondo per contributi straordinari, al fine di consentire la copertura di particolari ed imprevisti oneri, scaturenti dall’esercizio di servizi pubblici essenziali (art. 15 – non finanziato).

Orbene ANCI ha chiesto, già in sede di riunione tenutasi il 23 giugno 2021 finalizzata alla ripartizione del FUAL 2021, che la dotazione finanziaria del Fondo per gli anni successivi andasse perlomeno raddoppiata a 14milioni di euro (All. 2); richiesta ribadita con nota del 15 febbraio 2022, proprio in prospettiva dell’approvazione del bilancio regionale (All. 3).

La predetta richiesta, sentito il Direttivo ANCI, si ritiene vada enormemente incrementata viste le ulteriori note difficoltà economiche dei Comuni in riequilibrio finanziario, dissesto o semplicemente necessitanti di contributi straordinari per esercitare i servizi pubblici essenziali (i cui dati di dettaglio si ci riserva di fornire nelle prossime 36/48 ore).

Pertanto, si chiede una dotazione finanziaria per ciascun FONDO suindicato, che sia congrua a fronteggiare le ordinarie e sopravvenute esigenze economiche e finanziarie degli Enti locali, da prevedersi per ciascuno degli anni di cui al triennio 2022/2024. Si propone che l’attribuzione delle risorse di ciascun Fondo, come già accade per l’articolo 4 lett. a), avvenga previa determinazione dei criteri di selezione e pubblicazione di avviso pubblico, onde evitare la discrezionalità.

Da ultimo, si rinnovano anche le seguenti due istanze finanziarie ripetutamente proposte da ANCI:

  • Rifinanziare con risorse appropriate il patrimonio culturale intangibile della Basilicata, la cultura in generale ed il turismo (All. 4);
  • Prevedere un apposito capitolo di spesa per i rimborsi IVA di cui i Comuni si sono fatti carico in virtù della previsione di cui alla D.G.R. 1293 del 2.10.2012, relativamente agli interventi/investimenti del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013.

Inoltre si chiede di:

  • Adeguare il contributo forfettario destinato ai Comuni per il Trasporto Pubblico Locale

Auspicando in un comprensivo positivo riscontro, si porgono cordiali saluti.

Il Presidente Anci Basilicata

Andrea Bernardo

Sede Regionale: 85100 – Potenza c/o Palazzo Consiglio Regionale- Viale V. Verrastro,6

tel./fax 0971 37475 – e-mail: ancibasilicata@ancibasilicata.191.it

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*