PNRR, AMMESSI A FINANZIAMENTO QUATTRO PROGETTI DELL’AMBITO TA/1 CON GINOSA CAPOFILA

Condividi subito la notizia

Sono tutti ammissibili a finanziamento i progetti finora presentati per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dall’Ambito Territoriale TA/1 che vede Ginosa capofila.

Ben 1.466.500 euro per quattro progetti. 

In dettaglio: 

– 1.1.1 Sostegno alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini – 211.500 euro;

– 1.1.3 Rafforzamento dei servizi sociali domiciliari per garantire la dimissione anticipata assistita e prevenire l’ospedalizzazione – 330.000 euro;

– 1.2 Percorsi di autonomia per persone con disabilità – Progetto individualizzato (115.000 euro), Abitazione Autonoma (420.000 euro), Lavoro (180.000 euro);

– 1.1.4 Rafforzamento dei servizi sociali e prevenzione del fenomeno del burn out tra gli operatori in unione con gli Ambiti Territoriali di Martina Franca e Massafra. 

L’Ambito di Martina Franca è capofila – 210.000 euro;

<<Siamo di fronte a progetti innovativi e, soprattutto, che guardano alle reali esigenze delle persone – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Ginosa Dania Sansolinoora occorrerà lavorare su gestione, progettazione e programmazione per renderli concreti.

La qualità del lavoro del nostro Ufficio di Piano è ancora una volta confermata dall’ammissione a finanziamento di tutte le manifestazioni di interesse presentate al Ministero.

Un ringraziamento particolare va alle risorse umane dell’Ambito Territoriale TA/1 che quotidianamente, con grande dedizione ed impegno, lavorano per il benessere dei nostri concittadini e concittadine>>. 

<<La centralità dell’Ambito rimane fondamentale per migliorare i servizi alla persona – aggiunge il Sindaco Vito ParisiGinosa come Ente capofila, in collaborazione con gli altri Comuni coinvolti, è in prima linea affinchè ci sia un miglioramento della qualità della vita delle persone, specialmente di quelle in maggiori difficoltà. 

Quelli ammessi a finanziamento sono servizi mai avuti prima sul territorio, ma di cui vi era bisogno, perchè mirano a soddisfare le esigenze dei cittadini>>.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*