ARA BASILICATA: BENESSERE ANIMALE E GESTIONE AMBIENTALE DEI REFLU

Condividi subito la notizia

E’ sempre alta l’attenzione dell’Associazione regionale allevatori di Basilicata riguardo al benessere degli animali. Da alcuni mesi, infatti, sono molteplici le iniziative sul territorio lucano attraverso incontri con esperti locali e di fuori regione. L’ultima in ordine di tempo a Rotondella, nel materano. Erano presenti tutti gli allevatori di razza bovina marchigiana che caratterizzano il territorio montano del Metapontino, insieme ad allevatori di ovicaprini e di bovini di razza podolica che in questo periodo sono in transumanza in quell’area. Non solo la partecipazione ma anche il coinvolgimento, l’attenzione e l’interesse a saperne sempre di più ha caratterizzato l’incontro con l’esperta di Classy Farm, Cristina Roncoroni dell’Istituto Zootecnico Sperimentale di Lazio e Toscana , che si è soffermata sulla valutazione del benessere animale e come i nostri allevamenti sono chiamati ad adeguarsi ad una pressante richiesta dei consumatori e dei regolamenti comunitari. Grande attenzione ha richiamato anche l’intervento di Domenico Pisani, esperto zootecnico di Ara Basilicata, che ha illustrato la normativa della direttiva nitrati e le regole di gestione di una azienda zootecnica ambientalmente sostenibile. “E’ da tempo che gli incontri con gli allevatori affrontano questi temi e nei prossimi giorni altre iniziative simili verranno svolte in altre aree della Basilicata – ha dichiarato il direttore dell’Ara Basilicata, Giuseppe Brillante – gli aspetti legati al benessere ed alla gestione sostenibile dell’allevamento sono argomenti che interessano il presente, ma soprattutto il futuro della nostra zootecnia. Con la nostra attività di assistenza capillare e di affiancamento con tecnici veterinari ed agronomi competenti e specialistici vogliamo evitare che i nostri allevatori si possano trovare fuori dal mercato e dalle rotte delle innovazioni tecnologiche che nel nostro settore consentono di poter continuare a promuovere e valorizzare le nostre distintività agroalimentari territoriali“ ha concluso Brillante. 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*