A un anno dall’uscita de La tigre e il gabbiano, l’editore Il Convivio pubblica un nuovo romanzo della scrittrice Maria Di Tursi, intitolato “Diarium Artis – La Musa senza veli”

Condividi subito la notizia

Un diario scritto da una figura misteriosa, in cui si ripercorrono le vite e le opere di oltre quaranta artisti dall’antichità fino ai giorni nostri. Uno stile narrativo unico e inconfondibile, quello dell’autrice, che caratterizza questo romanzo avvincente, in cui si intrecciano miti, amori vissuti, racconti di resistenza, fenomeni geologici e teorie cosmologiche. Maria Di Tursi, docente di lingue e letterature straniere, è nata in Lucania nel 1982. È autrice di diversi libri di poesia, teatro, saggistica e narrativa.
Con La tigre e il gabbiano è stata ospite al Salone internazionale del Libro di Torino (ottobre 2021)
e al Salone del Libro di Roma (Più libri più liberi, dicembre 2021), nonché ad alcune fiere nazionali
come la Festa del Libro a Palermo (settembre 2021). Proprio nel capoluogo siculo, nell’ambito della
rassegna La Via dei Librai che quest’anno si tiene dal 22 al 25 aprile, Diarium Artis viene presentato
per la prima volta al grande pubblico.
In attesa della prossima, imminente, partecipazione al Salone torinese e poi a quello romano, Maria
Di Tursi ha risposto ad alcune domande sul suo nuovo libro.
Quanto è importante l’arte per lei?
L’arte è il cuore pulsante del mio mondo. Non riuscirei ad immaginare una vita senza un’ispirazione
che possa andare oltre il mondo materiale. È un concentrato di passioni, inquietudini, slanci,
appagamenti. È tutto ciò che ci differenzia dal resto del mondo animale, una facoltà esclusiva
dell’intelligenza umana. La mia musa narrante, però, non si identifica esclusivamente nell’arte
comunemente intesa come letteratura, musica, pittura, scultura… La lasciamo avvolta dal mistero,
per il gusto dei lettori!
Nel libro non si parla solo di arte e intelletto, ma anche di fenomeni naturali, di astronomia…
qual è il collante tra questi elementi così distanti tra loro?

Arte e Scienza sono rami dello stesso albero. Personalmente mi ritengo una persona che ha
un’imprescindibile visione scientifica dell’esistenza – per formazione, attitudine, interessi – e
contemporaneamente un coinvolgimento umanistico e artistico innato. Sono umana, al 100% e a 360°.
Talvolta le manifestazioni del nostro animo sembrano ricalcare quelle della natura che ci circonda.
Le energie che ci muovono sono le stesse che muovono il cosmo – cambiano i livelli. Da sempre
indaghiamo sulle leggi che governano l’universo; dovremmo indagare maggiormente sul mistero
dell’Uomo – senza far ricorso né ad atteggiamenti fideistici, né a smanie di onnipotenza, ma
semplicemente prendendo atto della nostra grandezza e dei nostri limiti.
Quali risvolti potrà avere l’arte in un mondo sempre più globalizzato e digitalizzato?
L’arte come atto di reinvenzione personale e individuale della vita non potrà che avere un risvolto
salvifico per l’intera umanità. Rimanere connessi alla nostra natura umana è l’unica speranza per un
futuro valido. L’eterogeneità del pensiero è il solo progresso possibile.
Quali artisti, tra quelli presenti nel libro, ha maggiormente a cuore? Ha una “storia” preferita?
Ognuno di loro rappresenta una pietra miliare nel mondo dell’arte. Tuttavia, posso confessare che la
scrittura di alcuni paragrafi mi ha divertito particolarmente. Nel libro ci sono molte sorprese. È un
po’ come una scatola cinese. Non posso svelare altro. Sarà il lettore a togliere i veli… se la musa
vorrà!

Radio Laser - FB IMG 1650479143343 1 - news matera potenza puglia basilicata
Condividi subito la notizia

1 Trackback / Pingback

  1. “Diarium Artis – La Musa senza veli”, il nuovo romanzo di Maria Di Tursi. – 𝑨𝒈𝒆𝒏𝒅𝒂 𝑳𝒆𝒕𝒕𝒆𝒓𝒂𝒓𝒊𝒂 di Maria Di Tursi

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*