Stage aziendale dell’Istituto Tecnico Tecnologico di Pisticci: un’esperienza che apre al mondo del lavoro

Condividi subito la notizia

Dopo il lungo e difficile periodo di emergenza sanitaria, grazie all’attiva collaborazione tra il Dirigente Scolastico, prof. Francesco Di Tursi, i docenti Adriana Ricchiuti, Nicola Tuccino e il titolare fondatore di IVERT SRL, ing. Angelo Giove, l’Istituto Tecnico Tecnologico “G. Fortunato” di Pisticci è riuscito a realizzare stage formativi di PCTO (già Alternanza ScuolaLavoro), permettendo agli alunni delle classi quinte, di lasciare le aule scolastiche e di immergersi in una realtà all’avanguardia del nostro territorio. L’azienda IVERT è una startup innovativa con sede a Matera, che si occupa di sviluppo di applicazioni all’avanguardia e in linea con le ultime frontiere del web sfruttando la tecnologia blockchain (la blockchain è una tecnologia famosa per le criptovalute). aGeSAWqV5O4H6e8YScY6X0qdsTOE8s566AC 06cuaxwc3N hSzppCQNA 9vlgAMaE5wtNQ1 XTm nqq07AXvFgmDkxfZaW saBTuUIVglpc JJHEX SK gNe5AXvcsV RHohp3E - Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicata

“La tecnologia – dice Angelo Giove – anche quella più complessa come la blockchain, può essere alla portata di tutti se resa comprensibile nella pratica. L’interesse suscitato in questi ragazzi ne è la prova e spero che, questo genere di esperienze, possano stimolare percorsi di apprendimento nel settore informatico. Abbiamo bisogno – conclude il fondatore di Ivert – di risorse preparate per stare al passo con le evoluzione tecnologica”.- Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicata

Lo stage è consistito in lezioni teoriche frontali, svolte da competenti formatori aziendali, i dottori Adriano Loschiavo e Francesco Urbano, seguite da attività applicative di problem solving che hanno comportato l’implementazione di smart contract per la blockchain. In questo modo i ragazzi hanno potuto mettere alla prova la loro preparazione, le competenze acquisite nei cinque anni di scuola superiore e l’attitudine e la predisposizione al lavoro proposto.

Nelle due settimane di attività gli studenti si sono messi in gioco, hanno aperto il loro orizzonte formativo e hanno avuto la possibilità di entrare in contatto con un’azienda attenta ad ogni dettaglio: dalla scelta e selezione dei dipendenti (in genere, profili junior con ampi margini di crescita professionale) fino alla suddivisione degli accoglienti spazi di lavoro tra cui un open space dalle pareti verdi arredato con oggetti di design.

Lo stage ha riscosso l’interesse e il gradimento degli studenti che conserveranno il ricordo di una bellissima ed entusiasmante esperienza. Ognuno di loro ha avuto la soddisfazione di essersi sentito utile sul posto di lavoro e anche di essere stato apprezzato dai responsabili che hanno, fin dal primo momento, messo gli alunni a proprio agio. 

Grazie a questa esperienza, i ragazzi hanno scoperto che anche nel nostro territorio esistono realtà all’avanguardia nel campo delle nuove tecnologie.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*