Il Consorzio di Tutela del Caciocavallo Silano Dop adegua il disciplinare

Condividi subito la notizia

Coniugare le esigenze della spesa quotidiana con la tradizione di un disciplinare con radici storiche, datato 1993. E’ il fulcro della proposta portata all’ordine del giorno dell’assemblea straordinaria dei soci del Consorzio di Tutela del Caciocavallo Silano Dop.La seduta, svoltasi pochi giorni fa presso la sede del Consorzio a Spezzano della Sila (CS), ha trovato il consenso corale di tutti i soci che hanno votato all’unanimità la proposta di variare il disciplinare di produzione nelle sue modalità di vendita ma rimanendo invariate le tecniche di produzione.  Il mercato oggi richiede una vendita diversificata, sottovuotoaffettatoporzionato, l’attenzione al confezionamento, all’etichettatura, all’alimentazione degli animali e alla selezione delle razze delle mucche da latte.Tutte le proposte adesso, per diventare “operative”, dovranno seguire un iter di approvazione da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e forestali e da parte della Commissione Europea, ma il Consorzio, attraverso questa approvazione unanime, ha dato segno di voler guardare avanti, aggiornarsi, andare incontro alle esigenze del consumatore.L’ultima modifica del disciplinare era stata fatta nel 2003. Regole rigide che hanno permesso di ottenere sempre un prodotto di eccellenza con caratteristiche immediatamente riconoscibili.Il Caciocavallo Silano Dop, infatti, è un formaggio semiduro a pasta filata, crudo prodotto esclusivamente con latte di vacca o eventualmente termizzato fino a 58° per 30 secondi in caseificio. Può essere realizzato in due formati: quello classico con testina o quello dalla forma allungata (prevalentemente utilizzata in Calabria). Ricordiamo che il  caciocavallo silano viene prodotto in cinque regioni diverse del Sud Italia ma con tecniche sempre identiche su cui vigila un consorzio inter-regionale che comprende la Puglia, la Calabria, il Molise, la Campania e la Basilicata.Soddisfatto di questo ulteriore passo fatto in sinergia con tutti i soci, il Presidente del ConsorzioVito Pace che dichiara: “Oggi il mercato ci chiede porzioni più piccole anche per single o famiglie poco numerose ed è in questa direzione che abbiamo inteso iniziare l’iter per rimodulare il disciplinare che alla fine dell’iter ministeriale ed europeo coniugherà la tradizione e la modernità del prodotto”.

107841965 2873179286126009 8799379078495372406 n - Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicata
Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*