MARTINA FRANCA: Vigilanza ambientale e telecamere contro l’abbandono dei rifiuti, fioccano verbali e sanzioni nei primi tre mesi del 2022.

Condividi subito la notizia

Continua senza sosta l’azione di contrasto del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nelle campagne
da parte del Comune tramite la Polizia Loca e in sinergia con gli ispettori ambientali della Monteco.
Nei primi tre mesi del 2022 (1 gennaio-31 marzo) il nucleo della Polizia Locale che si occupa di
vigilanza edile e ambientale, ha elevato complessivamente 152 verbali amministrativi, 94 dei quali
a seguito di report dell’ispettore ambientale e 57 grazie alle immagini registrate dalle video trappole
collocate in diversi punti dell’agro.

Inoltre, 37 automobilisti sorpresi dalle video trappole a lanciare
i sacchetti di immondizia dal finestrino dell’auto in movimento sono stati multati anche per
violazione delle norme del Codice della strada, oltre che per l’abbandono incontrollato dei rifiuti.
Le violazioni sono state punite con sanzioni che vanno da un minimo di 80 euro ad un massimo di
1.200 euro.

vigilanza ambientale foto 6 - Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicata


Lo scorso anno, lo stesso nucleo della Polizia Locale ha elevato, nell’arco dei 12 mesi, 533 verbali
amministrativi per abbandono di rifiuti.
L’azione di contrasto dell’abbandono dei rifiuti continua ininterrottamente e con ulteriore incisività
per evitare che cumuli di rifiuti deturpino la bellezza dell’agro di Martina, soprattutto con l’arrivo
della primavera, e inquinino l’ambiente con sostanze spesso nocive. Ma prosegue a tutela del
cittadino anche per ragioni di equità fiscale. Gli ispettori ambientali sono quotidianamente
impegnati nel lavoro di prevenzione  nei confronti dei cittadini ma anche di vigilanza, controllo e
accertamento tecnico per le violazioni di norme nazionali in materia ambientale, dei regolamenti
comunali e delle ordinanze dirigenziali e sindacali relative al deposito, alla gestione, alla raccolta e
allo smaltimento dei rifiuti.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*