Stellantis Termoli, Spera (Ugl): “L’accordo sulla Gigafactory diventa realtà”.

Condividi subito la notizia

UglM:”Importante sinergia tra azienda, lavoratori, sindacati e Governo”.

“Dopo tanta attesa e incertezza, finalmente il piano strategico a lungo termine del gruppo Stellantis per Termoli oggi diventa realtà con il via libera alla realizzazione della gigafactory di batterie per le auto elettriche: Automotive Cells Company (Acc) ha annunciato l’accordo con Mercedes-Benz, nuovo azionista paritario con Stellantis e TotalEnergies/Saft per la progettazione del terzo stabilimento di batterie nel nostro Paese”.

Lo dichiara il Segretario Nazionale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, spiegando che, “Termoli si aggiunge agli stabilimenti francese (Billy-Berclau/Douvrin) e tedesco (Kaiserslautern), i quali saranno in grado di produrre ciascuno almeno 40 GWh all’anno, più dei 24 GWh inizialmente previsti”.

Per il sindacalista, “è stato importante per la riuscita del progetto anche il contributo dei lavoratori che hanno dimostrato concretamente costante attenzione e eccellenza professionale, permettendo al Gruppo di portare al termine tale importante accordo, nonostante un contesto sanitario, economico e politico mondiale molto difficile. Come sindacato continueremo, ovviamente, a fare la nostra parte, affinché vada a compimento l’annunciata trasformazione dell’impianto di Termoli per contribuire sia alla creazione di un futuro più sostenibile sia per rendere il sito industriale e la provincia di Campobasso, grazie a Acc, tra i leader europei nella produzione di batterie. Fondamentale è stata anche la sinergia e la collaborazione tra il sindacato e il ministero dello Sviluppo economico. L’Italia intera avrà un ruolo strategico che farà di Stellantis un Gruppo specializzato in tecnologie dedicate alla mobilità sostenibile, garantendo infine a Termoli e al Mezzogiorno, da tempo coinvolto in un pericoloso processo di desertificazione industriale, il futuro che merita e che ha saputo attendere”.

Roma, 23 marzo 2022   

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*