Ottavio De luca Filca CISL Campania . Caro materiali, edili spettro della cassa integrazione .

Condividi subito la notizia

Ottavio De luca Filca CISL Campania .Caro materiali, edili spettro della cassa integrazione .In allegato foto di Ottavio de luca segretario nazionale Filca CISL ereggente Filca CampaniaCordialità.

Prima la pandemia, e ora la guerra in Ucraina. Un mix che pareconfigurarsi come una congiura nei confronti dell’Europa e delmondo intero . A risentire e il mondo civile e la stessa economia  edin particolare quella del mattone  che  dopo i primi importantitentativi di ripresa avviati con i bonus energetici promossi dalgoverno, è nuovamente ricaduta nella trappola dell’aumento deicosti.La paralisi delle filiere e la chiusura dei mercati dell’est hageneralmente indotto un fisiologico innalzamento dei prezzi,sostenuto in parte dall’aumento dei prezzi dei prodotti petroliferie del gas naturale, il cui approvvigionamento è in buona parteproveniente dalla Russia. Ad oggi l’aumento dei costi delle materieprime ha fatto registrare una improvvisa e repentina contrazione delmercato, tale che un rilevante numero di imprese ha ritirato lapropria offerta, non riscontrando margini di guadagno convenienti.Il prezzo del legno è aumentato tra il 60% e il 70 % rispettoall’inizio della pandemia, il rame ha registrato un + 40%, mentrel’alluminio ha raggiunto nuovi massimi storici in borsa. Anche pergli asfaltisti la situazione non è delle migliori con aumenti deiprezzi del materiale bituminoso che supera in alcuni casi anche il30% rispetto al 2020.”Siamo spaventati perché non siamo ancora usciti dalla paura edallo stato di allerta legate alla pandemia, l’emergenza stavaallentando la sua stretta alle nostre vite e oggi una mente folle stamettendo l’umanità in ginocchio senza una valida ragione – affermaOttavio De Luca reggente Filca Cisl Campania  – il conflittoscoppiato ormai da molti giorni ha già messo K.O. le borsefinanziarie, facendo schizzare alle stelle il prezzo di tutte lematerie prime, tra cui il petrolio e il gas che già erano aumentatisensibilmente.”Se non verrà posto un limite a tutto quanto sta accadendo a est delvecchio continente, l’impatto economico conseguente sarà simile aquello degli scenari del secondo dopoguerra: aumenterà l’esposizionealla povertà e alla disoccupazione che colpirà in modo particolarele imprese edili già provenienti da una condizione di stentigenerati dalla precedente crisi ultradecennale degli  ultimi diecianni.Ottavio De Luca con tutto il mondo sindacale continuano a gridare chela pace e l’unico elemento che può unire i popoli di qualsiasietnia razza e religione, purtroppo il dolore che sta procurando laguerra ci mette tutti  difronte ad un bivio di dolore e pianti, ormaila situazione e al limite,  e  sicuramente porterà ad una nuovastasi, ha messo sotto scacco molte imprese del comparto e interefamiglie di operai che con tanti stenti e sacrifici stavano cercandodi trovare un minimo di equilibrio e serenità.De Luca continua la sua battaglia affiche la sicurezza sui posti dilavoro sia un diritto sacrosanto per tutti, nell’ultimo anno le mortibianche sono state tantissime e questo ha scosso l’opinione pubblicae non solo. La Filca Cisl ha spesso reagito alzando i toni perattirare l’attenzione delle istituzioni, con  interventi mirati,continua a promuovere la prevenzione degli infortuni, specificandoche è fondamentale che la sicurezza sul lavoro diventi  parteintegrante della cultura aziendale.Tutto ciò non basta per l’ennesima  volta si e verificato unincidente sul lavoro,  in un cantiere edile di Pontecagnano Faiano:per cause da accertare, un operaio ha fatto un volo di nove metri,precipitando dal quarto piano dell’impalcatura su cui stava lavorando.Con la presenza della guerra e del Covid, l’illegalità el’irregolarità è sempre presente per  l’acquisizione di ricchezza,la scusa che trovano che i costi sono saliti alle stelle in questoperiodo,  è ovvio che per il profitto si prediliga il lavoroirregolare ed illegale che consente tanto il risparmio dei contributiquanto il costo contrattuale, per quanto riguarda l’adeguamento allenorme per la sicurezza, che equivalgono ad un costo ulteriore.Oggi urge un piano di supporto per il mondo dell’edilizia –continua De Luca quindi attraverso una rete di informazione,formazione, contrattazione, prevenzione, assunta insieme dalle forzedel lavoro e delle imprese, e l’impegno ad ogni livello delleistituzioni pubbliche, che si può mettere in campo una strategiapiù efficace per contrastare questo momento critico.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*