POMARICO FERMATA BUS SU MATERA FERRANDINA: ADICONSUM SI RIVOLGE AL MINISTERO

Condividi subito la notizia

di Michele Selvaggi

POMARICO. Non demorde l’Adiconsum di Pomarico, guidata dal Segretario Vito Pantone, relativamente alla vicenda che riguarda la richiesta di fermata  dei bus  in località Baracche, che ormai va avanti da un po’ di tempo e non trova la soluzione necessaria, atteso che  trattasi di problema che riguarda parecchi lavoratori pendolari e  studenti, necessitati a raggiungere diverse località della Regione. L’Amministrazione Provinciale di Matera , che era stata  investita della questione, aveva interessato il Cotrab  ( Consorzio Trasporti Aziende di Basilicata ) a cui  l’Adiconsum aveva richiesto specificatamente  l’intervento per una fermata  dei bus di linea in quella località. In particolare, la richiesta  di intervento riguarda alcune linee di competenza del Consorzio e cioè  la Ferrandina – Matera Sata  di Melfi  che interessa moltissimi lavoratori che operano in quello  stabilimento automobilistico e  la Matera – Ferrandina Potenza  gestite dalle ditte consorziate  Nolè srl e Ati Sita – Grassani – Liscio, allegando i relativi programmi di viaggio, modificati. Pronta la risposta della Cotrab in cui si legge: “Tenuto conto che in passato una fermata in località Baracche era stata sospesa (2011)  per motivi di sicurezza  dalla Provincia  e visto che la impresa Nolè comunica che anche attualmente non sussisterebbero le condizioni di sicurezza previste dal Codice della Strada, si richiede attestazione di idoneità del sito alla fermata di che trattasi, da parte della Provincia competente su strade provinciali,  ai sensi del’art.6 , comma G  della L.R.22/98”. “ Dopo un consulto con gli uffici preposti della Provincia –  ha spiegato il Segretario Pantone – è emerso che l’Ente di Via Ridola non ha più la competenza  in materia, per cui abbiamo inviato al Ministro Infrastrutture e Trasporti,  – Direzione Generale della Sicurezza Stradale di Roma, una missiva inviata anche al Presidente della Regione Basilicata, all’Assessore Regionale alle Infrastrutture e Trasporti, alla Direzione Regionale  Infrastrutture e Mobilità, al Prefetto di Matera, ai  Presidenti della Provincia di Matera e Potenza,  e all’Anas Spa Struttura Regionale di Basilicata, chiedendo espressamente di voler disporre sopralluoghi  tecnici al fine di verificare le condizioni  di sicurezza dello svincolo  Bivio Pomarico Le Baracche sito lungo la SS.7  e dei relativi percorsi per accedere  alla piazzola di sosta. Il tutto con l’impegno di informare i cittadini sulle notizie  che pervengono a riguardo da Roma”. Questi i fatti, ma al di là di quella che è la specifica questione di carattere sociale, occorre riconoscere il serio impegno dell’Adiconsum  pomaricana e in particolare del suo segretario Vito Pantone, sempre all’avanguardia per quello che riguarda la risoluzione dei problemi  di ogni tipo e categoria, che investono  la cittadinanza.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*